Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

15/01/17

Un popolo 1° parte


 Considerazioni di Lèon prima parte



“Chiunque sia sinceramente interessato alla ricerca scientifica, scopre nelle leggi dell’universo, la presenza di uno spirito immensamente superiore a quello dell’uomo, uno spirito di fronte al quale le nostre misere forze devono farci sentire umili.” Con questa frase, il più famoso scienziato del secolo scorso, Albert Einstein, descrisse quali erano le due principali condizioni dell’uomo per scoprire, quanto di più profondo si trova nel “libro” della creazione, e cioè: la Modestia e la Logica.


E’ con questo spirito che vogliamo scoprire, oltre che dal libro della creazione, anche dal libro più antico ed interessante del mondo, ciò che riguarda il destino dell’uomo, la Sacra Bibbia. Con la stessa logica e modestia di Einstein, cercheremo di analizzare per scoprire cosa ci stia aspettando nel periodo più complesso, e vorrei aggiungere “buio” della storia umana. Vogliamo addentrarci in questa analisi analizzando le prime due scritture di questo libro e metterle a confronto durante la trattazione del tema: “Un popolo”. Ge 1:28… “Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra….” Ec 3:11 “Ogni cosa ha fatto bella a suo tempo. Anche l’idea dell’eternità ha posto nel loro cuore, affinchè il genere umano non trovi mai l’opera che il vero Dio ha fatto dall’inizio alla fine”.  

   
 Non ricordo il nome di quel filosofo che disse: “un popolo che non ha storia, non è un popolo”.  Ma non importa il nome dell’autore, ciò che conta non è il nome, ma il significato della frase e la profonda implicazione che oggi,  per il singolo cristiano questa significhi.





Vorrei con questa mia trattazione, se me lo permettete, condividere con voi alcune mie considerazioni che ho elaborato nel corso del tempo, su come alcune scritture,  confrontandole fra loro, ci possono aiutare nella speranza che abbiamo per il nostro futuro. Questo, non come insegnamento, ma con il solo scopo di mantenere viva la nostra fede e la nostra speranza.

 
                                      __________________________ 





Geova, il creatore ed il proprietario dell’intero universo, qui sulla terra ha sempre avuto qualcuno che con piena libertà lo ha servito perché ha amato, lo straordinario dono che ci ha fatto, dotandoci del libero arbitrio (Ge 1:26/a).  L’uomo, pertanto rappresentava “l’ombra di Dio” sulla terra (Lu 1:35).



L’argomento di cui parleremo in questa considerazione, vorrei trattarlo in due parti, questa prima, e la parte successiva, dove verrà trattato ciò che viene comunemente chiamata l’escatologia dell’uomo, cioè la fine dei sistemi di cose e delle istituzioni del dominio dell’uomo sull’uomo (Ec 8:9). 


Dio ha sempre mostrato straordinaria considerazione per la sua creatura umana, infatti perché provasse gioia nella vita istituì la più piccola delle società, presente tutt’ora in tutte le nazioni del mondo, la famiglia. La prima famiglia alla quale offrì protezione, dopo il danno fatto dalla famiglia di Adamo,  fu la famiglia di Noè. Va notato che assieme a Noè vivevano anche i suoi tre figli, Sem, Cam e Iafet, questi avevano a loro volta formato altre tre famiglie. Geova si prese cura di loro? La risposta che ne da la bibbia è si!  Dando a Noè le indicazioni architettoniche di una enorme nave per proteggersi dalla malvagità che si era andata creando attorno a loro, informando Noè, che avrebbe cancellato il male dalla terra (Ge 6:5,13,14). La famiglia di Noè e le tre famiglie dei suoi figli in piena libera scelta, decisero di seguire le indicazioni di Dio, si costruirono l’arca che grazie a quelle indicazioni, li   preservò dalla morte durante il Diluvio. Questo fu il primo piccolo popolo che Geova salvò mediante un miracolo!


Spostiamoci avanti di  secoli. Questa volta è la sorta di un grande popolo che Geova salva da una sicura fine della sua esistenza. Era il popolo che si era formato da Abramo, dopo che Geova gli ebbe cambiato il nome in Abraamo (Ge 17:3-6) a motivo del patto che Egli aveva fatto con lui. Quel patto avrebbe permesso attraverso la linea di discendenza di Abraamo tramite Isacco e Giacobbe (Geova cambiò il nome di Giacobbe in Israele) di divenire nazioni (Ge 17:6). Arriviamo così al tempo di Mosè. Quel popolo era divenuto molto numeroso tanto da poter formare una nazione; la promessa fatta ad Abraamo stava prendendo forma. Quel popolo però era prigioniero in Egitto. Passarono diversi anni dopo la nascita di Mosè, prima che Geova lo potesse liberare con un grande miracolo formando la prima nazione. La nazione di Israele.



Prendiamo in esame questi due miracoli e le implicazioni connesse.


Ragionando con modestia  e con la logica, esamineremo il contenuto dei pensieri, di Dio contenuti nel libro più antico ed affascinante del mondo, la Sacra Bibbia. Potremo capire cose che ci aiuteranno nel  tempo attuale ad agire con saggezza; cose che aiutarono i componenti dell’arca e del popolo di Israele. Prima di tutto chiediamoci: Dove si trovavano questi due popoli durante quei due miracoli?   

Il primo, dentro una enorme nave (Ge 6:9-16) assieme agli animali che Geova fece arrivare davanti all’ingresso dell’arca (Ge 6:20) per farveli entrare. Da notare cosa dice la Bibbia in proverbi 12:10 “il giusto ha cura dell’anima del suo animale domestico….”, e così il giusto Noè ebbe cura di loro (Ge 6:21,22).  

Il secondo, si trovava in un unico luogo, l’Egitto, sia dentro la città del Faraone che nelle campagne, ma in un'unica nazione (Ge 50:22-24). Notiamo che in entrambi i casi i componenti si trovavano in ambienti delimitati e tutti assieme. 


Questo avrebbe permesso a Geova di realizzare due importanti miracoli, usando tecniche simili tra loro. Questi due eventi sarebbero rimasti come testimonianza per tutta l’umanità.  1) Mediante il diluvio; con testimonianze fossili e con molte leggende  in  quasi  tutti i  popoli  della terra, e cosa  più  importante  nelle  Bibbia.  2) Mediante l’apertura del mar Rosso; ed è  grazie alla storia secolare ed agli studi che ne sono stati fatti per verificarne l’autenticità, che noi ne siamo informati,  ma anche,  ed in modo  principale  dalla  storia  fornita  da  Dio  tramite la  Sacra  Bibbia.  Le persone che formavano queste due realtà, come abbiamo detto, in entrambi i casi si trovavano in ambienti circoscritti, e non dispersi in luoghi diversi come oggi. Con la venuta di Gesù Cristo infatti, i suoi seguaci, i cristiani, singoli individui, compongono un popolo che si trova su tutta la terra abitata, ciascuno in nazioni diverse. 


Questo è da salvare, proprio perché si trova in pericolo come i due precedenti popoli, ma in una condizione estremamente più grave di quella del diluvio. Gesù nella sua profezia dichiarò che ci sarebbe stata sulla terra una tribolazione, causata dall’uomo, tale da cancellare la vita di tutte le creature esistenti sul pianeta, se Geova non fosse intervenuto (Mt 24:21,22).










Dove ci troviamo ora nel corso della storia? 




Nel numero speciale di “Le Scienze” del Novembre 2016, (Edizione italiana di Scientific American) dal tema “Il futuro dell’umanità, alla pag. 61, ho trovato il sottotitolo “Siamo alla fine?” che faceva seguito al tema dell’articolo “La società civile resisterà?” (di Angus Deaton); Ho ritenuto importante confrontare l’articolo con ciò che la Sacra Bibbia rivela riguardo a questo soggetto. Cosa rivelano le profezie contenute nel libro di Dio?


Fine prima parte


_________________







3 commenti:

  1. Grazie Lèon per l'incoraggiamento ad ascoltare e prestare attenzione alle profezie. Invece di parlare sempre di feste e calcio ogni tanto un tocco di bibbia ci vuole, per me ne potremo parlare anche di più ma oggi in sala del regno è difficile parlare di Scritture e allora si vagheggia su vestiario, case,arredamento,moda trendy, chi è più sexy, chi è èiù trendy e chi ha fatto il viaggio più bello, per non parlare di altro materiale culturale che va per la maggiore nelle varie filiali e circoscrizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serve aiuto per sviluppare anche altri temi che non sono stati toccati tra cui :
      1 - Si deve dire sempre la verità alla struttura burocratica ? Cosa dice la Bibbia ?
      2 - Qual è la differenza tra la struttura organizzativa e il popolo di Dio ? Sono la stessa cosa oppure le Scritture dicono altro?
      3 - Come Geova guida il Suo popolo ? E' Dio tenuto a sottostare alle direttive umane oppure può agire indipendentemente dall'organizazione terrena ?
      4 - Geova è disponibile a cambiare le Sue perfette direttive (vedi come es. Lot e Abraamo), noi come organizzazione siamo flessibili o IRREMOVIBILI e INTRANSIGENTI come una super petroliera ?

      Tutto basato sulle Scritture. C'è qualche volontario per sviluppare tal post con ragionamenti scritturali adeguati ?

      Un forte abbraccio ai resilienti e ai fratelli perseguitati dai cavalieri della fede. Dio vi sostenga nell'avversità come ha fatto con Suo figlio il Maestro
      Altro post necessario :
      5 - Il popolo di Dio ha sempre seguito una disposizione governativa divina
      1° parte :Giudici nominati nelle città
      2° parte :Israele- Re, Sacerdoti, profeti indipendenti
      3° parte : Congregazione- Apostoli e anziani a Gerusalemme non signori della fede ma compagni d'opera.Partecipazione dei proclamatori nello spirito di un corpo tutti uniti

      Elimina
  2. Apprezzo il tuo modo di pensare 007, purtroppo a causa del timore dell'uomo tendiamo a parlare più di cose del "mondo" che di profezie.Non vorrei che questo ci spingesse alla codardìa, questa sarebbe una brutta BESTIA, infatti Rivelazione 21:8 la menziona assieme ad altri peccati gravi, tanto che conclude dicendo "Questo significa la seconda morte". "La struttura burocratica" potrebbe indurci a diventare, per paura dell'uomo, dei codardi? Tu dici che "serve aiuto per sviluppare anche altri temi". Accetto la sfida! Il tema n° 1 è interessante.
    Lèon

    RispondiElimina

Per contattare gli amministratori chiedi nella sezione commenti.
Vi preghiamo di commentare il più garbatamente vi è possibile,
non sono tollerati messaggi contenenti insulti ,di nessun genere .
Ogni espressione negativa è indirizzata alla parte malata dell'organizzazione e non a tutti i testimoni di Geova.
siete pregati di firmarvi con un nick grazie.

Un abbraccio