Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

27/07/15

Ed Elia ebbe timore . Dai proclamatori del regno resistenti.




“...Ed Elia ebbe timore. Di conseguenza si levò e se ne andava per la sua anima e giunse a Beer Seba,nel territorio di Giuda,lasciò il suo servitore e proseguì nel deserto...un'altra giornata di cammino. Alla fine si mise sotto una ginestra. Si augurò di morire:” Signore_disse_non ne posso più! Toglimi la vita, perché non valgo più dei miei padri. Si coricò e si addormentò sotto la ginestra, ma all'improvviso un angelo lo svegliò e disse: “Alzati e mangia.” Subito notò accanto alla sua testa una focaccia...e una brocca d'acqua. Dopo aver mangiato e bevuto, si mise di nuovo a dormire. L'angelo del Signore lo svegliò ancora una volta: ”Mangia ancora” gli disse...Elia si alzò, mangiò e bevve. Poi rinforzato da quel cibo, camminò quaranta giorni e quaranta notti, fino all' Oreb, il monte di Dio. Andò in una grotta e vi passò la notte. Il Signore gli chiese: “Che fai qui Elia? Elia rispose:” Sono stato preso da un ardente passione per te, quando ho visto che GLI ISRAELITI HANNO VIOLATO Il TUO PATTO...SONO L'UNICO RIMASTO,MA CERCANO DI TOGLIERMI LA VITA...” ”...RISPARMIERO' SETTEMILA ISRAELITI ,TUTTI QUELLI CHE NON HANNO PIEGATO LE GINOCCHIA A BAAL E NON HANNO BACIATO LA SUA STATUA...”
( 1 Re Cap. 19)...
Non più soli !


Siamo noi, cari fratelli della Resistenza,i settemila di cui si parla sopra, che non hanno piegato le ginocchia a Baal. Quante volte soli con le nostre coscienze, abbiamo pianto per le nostre solitudini, come Elia ha fatto nella caverna. Ma poi, come d'incanto, Geova ci ha dato da “mangiare e bere” con le parole dolci dei settemila consapevoli del Blog...e ci ha fatto sapere, come ad Elia, che non siamo più soli...NON SIAMO PIU' SOLI...I santoni dell'esibizionismo sono così spariti dalle nostre paure...perché siamo tanti, consapevoli ed audaci...ma ciò non significa che non ci si debba sentire mortificati per tutto quello che sta accadendo all'interno del popolo di Dio. I cadaveri eccellenti del buongusto, che rispettano solo se stessi e non i valori reali per i quali dovrebbero operare, hanno approfittato e stanno approfittando, della loro posizione privilegiata per accumulare beni e potere...macchine in dono dalla Betel, soldi e bustarelle dai fratelli, spese mediche pagate dalla Società, nessun tipo di lavoro, nessun obolo da versare, nè rate di mutui a cui pensare, nè padroni di lavoro da compiacere, solo diritti, con l'unico dovere di pronunciare discorsi per trasformare una pedana d'entusiasmo in squallide esibizioni di retorica e/o di sovvertimento delle verità...
Sorveglianti e pionieri speciali che PRETENDONO, in maniera più o meno esplicita, dai fratelli soldi in bustarelle...apparecchiature d'aria condizionata, affitti gratuiti, pranzi e cene di altissime qualità e convenienze...ma la domanda è:” E' questo il VERO Cristianesimo...?. E' morale tutto ciò?”  Quanti altri che non sono sorveglianti, ma molto più umili di loro, perseverano da trenta, venti o più anni e sono anche essi pionieri, o semplici proclamatori, ma sono disoccupati, non per scelta; Hanno pesantissime situazioni familiari, economiche, e vivono nell'ombra ,in silenzio, lontano dai clamori delle congregazioni, senza le luci della ribalta, emarginati e disadattati in Sala, gregari silenti da una vita, con i loro carichi di solitudini ed isolamenti dentro e fuori...Per loro non ci sono auto di lusso, bustarelle, apparecchiature per l'aria condizionata, spese mediche gratuite, televisori, tablet, computer, smartphone, rolex e tanto e tanto altro...non meriterebbero lo stesso trattamento anche loro...?
Una pomposa burocrazia
soffoca gli animi nobili
Per questi NIENTE, neanche una parola di solidarietà ogni tanto, così anche solo per ipocrisia...Non ce ne è neanche uno di questi pomposi personaggi che si ricordino degli umili, dei poveri, dei dimenticati delle congregazioni, che non hanno niente da offrire se non il proprio cuore volenteroso...Qua non contano più le persone, gli individui, ma la “teoburocrazia”, terreno fertile per la bigotteria, la notorietà da podio, il potere, la visibilità tout court...ma così si finisce per distruggere l'uomo. Chi vuole la distruzione dell'uomo? Forse l'Organizzazione che avvalla tanti ometti dal facile moralismo, che non vuole farci andare all'Università, che non vuol farci leggere libri, al di fuori dei loro, che non vuol farci fare le ricerche oltre alla Torre di Guardia (ma loro leggono tutto...) che non vuole farci pensare...TOGLIERE IL PENSIERO è lo scopo ultimo. Ci pensiamo NOI per VOI...Toglierci gli impulsi, il cuore, l'anima...anestetizzare le coscienze...ma i settemila di Elia ieri, e noi “settemila”oggi, stiamo dimostrando con le nostre vite, che il riscatto umano è possibile, per riscoprire i valori perduti del Cristianesimo.
Non ci siamo associati a quella fiera di imbecillità che svilisce l'uomo a mero burattino...
Il mondo di oggi insegna a trovare sempre scusanti, quanto più è importante chi sbaglia, mentre dovrebbe avere il coraggio delle proprie responsabilità. Vogliamo considerare responsabili colposi tutti coloro che avranno impedito e impediranno di interrompere questa spirale così perversa ed immorale. Ed allora organizziamo la nostra protesta civile. NON CONTRIBUIAMO PIU'...chiudiamo i rubinetti!!! Diamo soltanto le nostre contribuzioni ai fratelli in Sala che hanno davvero bisogno, DIRETTAMENTE a loro.


Basta con la farsa delle contribuzioni alle assemblee, che tanto servono soltanto a mantenere l'assurdo  tenore di vita dei vaccari, per una condanna-simbolo dei santoni del potere che pensano più alla loro faccia e alle loro tasche che non alle esigenze dei più umili. Devono dirci se la vita dei fratelli è uguale per tutti, o se quella dei molluschi rasoterra vale molto di più. Atti 2:45 ci fa comprendere che nel primo secolo, i nostri fratelli”...vendevano i loro possedimenti e proprietà e ne distribuivano il ricavato A TUTTI, secondo che ognuno ne aveva bisogno...” E' un discorso di una tristezza indicibile questo che si sta facendo, proprio noi che tanto e per tanto tempo abbiamo accusato la nostra religione dirimpettaia proprio degli stessi errori...ma è un discorso che va fatto proprio  perché è questa generalizzazione di insensibilità che lo porta a fare.  
Invito a svegliarsi
dal letargo spirituale e morale !
Nell'ansia di ricerca di un alibi, l'Organizzazione dovrebbe arrossire nell'aver avvallato la presenza di tanti parassiti, sempre vissuti nel depauperimento dei veri valori e a favore di oscure politiche oscurantistiche. Azzerare tutti i “benefit” dati ai moralisti senza morale che pensano più alla loro faccia e alle proprie tasche che non ai problemi dei fratelli per i quali dovrebbero operare...Che vadano a lavorare come tutti cerchiamo di fare, e come la Bibbia e l'apostolo Paolo ci comanda in 2 Tess. 3:8:”...Nè abbiamo mangiato GRATUITAMENTE il cibo di NESSUNO.
Al contrario con FATICA e LAVORO penoso, notte e giorno, abbiamo lavorato in modo da NON IMPORRE UN COSTOSO PESO A NESSUNO di voi...” Ritrovare i valori dello Spirito, nell'arena che sembra solo diventata dei soldi e dei privilegi...uscire dal tunnel dei ragionieri e calcolatori da strapazzo, negli sciocchi giochi di preferenze, tanto peggio se dovuti alla superficialità di chi pensa di affrontare certi temi con opportunismo e retorica improvvisata.

Il Conte Oliver



___________________