Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

18/07/15

2 - Proposta di riforma delle modalità di adesione e di uscita dalla congregazione.

L'adesione all'organizzazione deve essere concessa solo a individui consapevoli e in grado di sostenere la loro fede in modo autonomo. L'età minima potrebbe variare, decidere che sia quella, generalmente accettata, come la maggiore età nella nazione dove si vive in quel momento è un buon riferimento.

Ci sono sicuramente delle eccezioni da considerare, come ad esempio, per i ragazzi adolescenti e le persone invalide, ma queste dovranno essere vagliate accuratamente dagli anziani locali esperti in grado di valutare le situazioni. In tutti i casi, ne infanti e ne bambini, potranno essere mai battezzati.

Le modalità di uscita devono essere solo 2:
  • 1 Nel caso in cui ci sia un peccato evidente ed impenitente.
  • 2 Nel caso di richiesta specifica

In entrambi i casi deve esserci un comitato giudiziario che deve decidere. Attualmente, ad esempio, le lettere di dissociazione non prevedono nessun comitato, mentre invece sarebbe utile che tutti gli anziani prendessero visione della richiesta che questo fratello sta facendo in quel momento. Saranno quindi escluse qualsiasi forma di disassociazioni indotte.

Le modalità relazionali con l'individuo dovranno essere commisurati con il peccato e devono essere ragionevoli. Come raccomanda la bibbia andrà tolta solamente l'amicizia e la fratellanza a questi fratelli. La disassociazione su temi di apostasia dovrà' per forza essere per questioni gravi, come il ripudio delle dottrine primarie, e non per le speculazioni su alcuni versetti singoli in cui nessuno vorra' essere dogmatico come la chiesa, che non ammette dissenso. Un fratello impenitente potra' essere disassociato solo dopo la presa visione dell'intera congregazione locale e solo dopo aver seguito i passi di matteo 18:15-20 che dovranno essere fatti per ogni tipo di peccato. Non vi è motivo di seguire una diversa procedura dai peccati individuali.
In tutti i casi alla congregazione potrebbe essere utile dare: il divieto di disassociazione al di sotto dei 21 anni, il divieto comunque di ricevere un comitati giudiziario per i battezzati al di sotto dei 21 anni e il divideto di disassociare un fratello o una sorella in tutti i casi dove l'individuo è in condizioni di estrema indigenza sia fisica che mentale. Impariamo da Gesù che aveva commiserazione per tutti gli afflitti e i peccatori. Impariamo da Gesù quando non condonava i peccati degli esattori di tasse e delle donne ma nello stesso tempo aveva estrema commiserazione per loro perchè sapeva che ci sarebbe stato sicuramente un posto nel proposito di Geova Dio.

Gli spartani buttavano giù dalla torre i bimbi che avevano handicap fisici, perchè sarebbero stati un peso insostenibile per la loro società. Pensiamo la stessa cosa anche noi ?