Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

08/02/17

Olocausto e i Testimoni di Geova

Il 27 Gennaio del 1945 è stato l'anniversario della liberazione, da parte dell'esercito russo, dei prigionieri dal campo di concentramento di Auschwitz. Questa data è diventata l'anniversario della "Shoah" ebraica, termine fra l'altro preferito rispetto a quello universalmente conosciuto come Olocausto. Allego una sezione tratta da Wikipedia dedicata ai Testimoni di Geova coinvolti in quella stessa campagna di morte. In questa sezione lo Yad Vashem, l'ente nazionale ebraico per la memoria della Shoah, ha dichiaro alcuni nostri fratelli come "giusti tra le nazioni".

Alcuni Testimoni di Geova riconosciuti giusti tra le nazioni

« Chi salva una vita, salva il mondo intero (Talmud) »
Il 28 giugno 1966, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova polacchi, Socha Józef e sua moglie Socha Agnieszka, come giusti tra le nazioni[53].
Il 7 settembre 1971, lo Yad Vashem riconobbe una testimone di Geova tedesca di Berlino, Emma Gumz come giusti fra le nazioni[54]. La storia completa di Inge Deutschkron in un pdf di Yad Vashem
Il 14 dicembre 1994, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova bielorussi, Vasiliy Ivanov e sua figlia Irina Ivanova Levikina, come giusti tra le nazioni. L'onorificenza fu loro assegnata per aver nascosto, ospitato e protetto, a rischio della vita e nonostante le proteste della moglie di Vasiliy, per tutto il periodo dell'Olocausto e fino alla caduta del regime nazista, una giovane ebrea di nome Heina, fuggita dal ghetto di Braslaw (Braslau). Anche quando i tedeschi cominciarono a perlustrare la zona in cerca di partigiani ed ebrei nascosti, incendiando molti villaggi, Vasiliy ed Irina continuarono a proteggerla, considerando il salvataggio della giovane un dovere imposto da Dio. Heina rimase presso gli Ivanov fino alla liberazione e mantenne contatti con loro per molti anni dopo la guerra[55][56][57].
Il 5 marzo 1998, lo Yad Vashem riconobbe tre testimoni di Geova ungheresi, András Nagy, Magdolna Nagry, Erzsébet Nagy, come giusti tra le nazioni[58].
Il 1º agosto 2010, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova polacchi, Marianna Borzęcka e Józef Borzęcki, come giusti tra le nazioni[59][60].

3 commenti:

  1. Sono stati riconosciuti come "giusti tra le nazioni" ...
    ... NON perche sono stati chiamati "TdG",
    ma perche hanno agito come Christo gli ha insegnato, dicendo alla fine "Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro, che è nei cieli»." Matteo 5:48 (1 Pietro 4:16)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Seeker Testimoni di Geova di fatto non a parole... non ti pare?

      Elimina
    2. Si signore! ( il blog è stato aperto )
      Tito 2:
      14. il quale ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e purificare per sé un popolo speciale, zelante nelle buone opere.

      Elimina

Per contattare gli amministratori chiedi nella sezione commenti.
Vi preghiamo di commentare il più garbatamente vi è possibile,
non sono tollerati messaggi contenenti insulti ,di nessun genere .
Ogni espressione negativa è indirizzata alla parte malata dell'organizzazione e non a tutti i testimoni di Geova.
siete pregati di firmarvi con un nick grazie.

Un abbraccio