Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

06/11/16

T.d.G.- L’istituzionalizzazione


Cari fratelli,
il mio nome è Lèon.

E' da diverso tempo che leggo nel vostro sito i vostri commenti, questo mi ha spinto per la prima volta ad inviarvi un mio pensiero. Prima di farlo ho aspettato del tempo per esaminare la vostra serietà e l'esito è stato positivo. Ho provato gioia nel vedere che non ero solo. L'articolo che mi ha spinto a scrivervi, oltre a molti altri è stato "COME COMBATTERE IL VACCARISMO".                                                         

L’istituzionalizzazione
Da un pò di tempo mi ritorna in mente la scena di un film ambientato in un carcere; un uomo, negli stati uniti d’America, che uscito dal carcere dopo molti anni di prigionia, si ritrova per reinserirsi nella società, ormai profondamente cambiata, a lavorare in un supermercato.

Quest’uomo, ogni volta che aveva bisogno di andare al bagno, chiedeva l’autorizzazione come era obbligato a fare quando era in carcere; nonostante che il responsabile di reparto gli avesse detto che non doveva chiedere l’autorizzazione, questi puntualmente la chiedeva. L’uomo si era istituzionalizzato.

Questo episodio che riprenderò alla fine del mio argomento, mi ha fatto venire in mente ciò che dentro ogni “organizzazione” può accadere.

Quando in una istituzione religiosa, non si comprendono correttamente i principi così come Gesù Cristo, inviato da Geova, ce li ha trasmessi e l’istituzione (“organizzazione”) religiosa inserisce le proprie idee, ecco che questa, forse senza volerlo, insegna ciò che non corrisponde agli insegnamenti di Gesù, allora può insegnare, su cose fondamentali, il falso, così da istituzionalizzare i suoi aderenti. Questo è accaduto durante tutta la storia umana, per secoli e millenni.

Chissà se i profeti Isaia e Geremia, con l’espressione le “isole” (Isa 42:4; Ger 31:10)), si riferivano profeticamente ai singoli individui, poiché il cristianesimo si applica quando uno lo vive a livello singolare: “insegnando loro, cioè a ciascuno, ‘ad osservare’, cioè a praticare, ‘tutte le cose che vi ho comandato’, con i principi e non con le leggi, ‘ed ecco io sono con voi……”  (Mt 28:20), tutto questo dopo il battesimo . Nella lettera di Paolo agli ebrei (eb 10:16), egli dichiara proprio questo! Ed ancora, sempre Paolo in Gal 3:13, Cristo ci liberò mediante acquisto dalla maledizione della legge,…..  Ora che cos’è la legge? Non sono regole per fare questo e quello? L’istituzione religiosa, applicando una infinità di regole, è come se mettesse di nuovo Gesù Cristo al palo. Non sappiamo come Gesù proteggerà ciascuna “isola” ad Har-Maghedon, ma sappiamo che durante quel miracolo Egli distruggerà il sistema di cose e non singoli individui, ma al contrario egli salverà singoli individui (“isola”) e non l’istituzione (Mt 12:36,37; 1Pt 4:17/a).

Cosa accadde a quell’uomo ormai istituzionalizzato? Quando egli uscì dal carcere, era atterrito nel vedere le automobili che sfrecciavano, aveva paura ad attraversare la strada, non si sentiva sicuro in nessun posto nella attuale società che non conosceva. Un giorno, lo trovarono impiccato nella sua casa attaccato ad un trave. Nella sacra bibbia troviamo parole del tipo: “Tu stesso hai fatto molte cose, o Geova mio Dio, anche le tue opere meravigliose e i tuoi pensieri verso di noi; nessuno è paragonabile a Te.” Tu o Geova conosci bene i tuoi pensieri che hai verso di noi “pensieri di pace e non di calamità’, per darci, ‘un futuro e una speranza” (Sal 40:5; Ger 29:11).
Geova è “ la roccia, la sua attività è perfetta, poiché tutte le sue vie sono Giustizia” …….e non regole (De 32:4/a),  i veri Pastori proteggono le pecore, non le impauriscono, non le istituzionalizzano, le pecore sono animaletti teneri e pacifici, pertanto il “pastore”  non dovrebbe terrorizzarle insegnando loro che, Dio è vendicativo, che ti controlla ogni azione della tua vita, perché non ha fiducia di te; ed allora giù regole!! Quando i nostri figli sono istituzionalizzati, e scappano dalla galera, perché a pascerli non erano pastori ma “vaccari” ed escono fuori in un mondo che non conoscono, allora sono preda del diavolo, e si “impiccano”!
Genitori: proteggete i vostri figli dai “vaccari” (Gv 10:13), non fatevi istituzionalizzare, cosi da essere partecipi con loro. Genitori: conoscete il completo disegno di Geova per la terra descritto nella Sua parola. Nel suo libro che ha dato in dono a ciascun individuo, troviamo tutto quello che ci serve da qui alla fine del regno di Cristo che durerà mille anni. Sarà Gesù Cristo a proteggere le nostre facoltà mentali (Gv 10:3) e non i “nobili” (Sal 118:9).

Vi saluto con affetto
Lèon     
_________________________________________________