Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

25/11/16

IL POTERE E L'AUTORITA' - Parte 1°




Cari fratelli mi firmo K.K. è un pò che partecipo poco alle discussioni, ma vi leggo sempre con piacere.

Sto attraversando un periodo di riflessione per rafforzare la mia fede in vista dei tempi burrascosi che, come Testimoni di Geova, dovremo attraversare. Purtroppo subiremo le conseguenze di scelte poco sagge fatte nel tempo e il tutto verrà spacciato per persecuzione... dimenticando che succedeva lo stesso agli Israeliti i quali benchè guidati da Geova quando deviavano dalle sue istruzioni ne subivano le conseguenze. La semplice legge di causa e effetto, niente di trascendentale.
Vorrei condividere con tutti un articolo che ho scritto.


PARTE 1
IL POTERE E L'AUTORITA'

Fino dai tempi più antichi tutte le creature sono state affascinate e sedotte dal potere. E anche oggi, a molti che sono in posizioni di autorità, piace questo ruolo perchè li fa sentire potenti, potenti sugli altri. Ma cos'è il potere? Cos'è l'autorita?

Due facce della stessa medaglia
Molti confondono il potere con l'autorità. Queste sono legate ma non sono la stessa cosa. Wikipedia alla voce "Potere" recita: "Per potere, in termini giuridici, si intende la capacità, la facoltà ovvero l'autorità di agire, esercitata per fini personali o collettivi; più in generale il termine viene usato per indicare la capacità vera o presunta di influenzare i comportamenti di gruppi umani"

Sempre Wikipedia alla voce "Autorità" recita: "Con il termine autorità si intende quell'insieme di qualità proprie di una istituzione o di una singola persona alle quali gli individui si assoggettano in modo volontario per realizzare determinati scopi comuni. Spesso è usato come sinonimo di potere, ma in realtà i due termini afferiscono ad accezioni diverse. Il "potere" si riferisce all'abilità nel raggiungere determinati scopi mentre il concetto di "autorità" comprende la legittimazione, la giustificazione ed il diritto di esercitare quel potere."

L'autorità è un potere limitato a certi aspetti o per un certo periodo di tempo.L'autorità, e il potere che ne consegue, è concessa da uno che ne ha di più. L'abuso di potere è quando uno che ha autorità cerca di esercitare potere oltre quello che gli è concesso dal suo ruolo.

Potremmo fare l'esempio di un eventuale agente delle forze dell'ordine che, ad un posto di blocco, pretende di ritirarmi la patente di guida perchè ho l'auto sporca. Beh potrebbe anche darsi che l'auto sia così sporca che dai vetri non si vede nulla.. allora forse è il caso che mi scorti fino a dove posso lavarla almeno i vetri e a ripristinare la sicurezza della mia auto.
E' un dovere del poliziotto garantire strade sicure.
Certo ha l'autorità di fermarmi, ha l'autorità di chiedere di esibire tutti i documenti e può anche provare a convincermi a lavarla.. ma ritirarmi la patente solo perchè l'auto non è pulita alla perfezione sarebbe un abuso di potere, perchè l'autorità a lui concessa prevede solo di mantenere le strade sicure, non di sindacare sul grado di pulizia dell'auto. Ricordiamoci di questo esempio, ci servirà poi...

Anche Satana ha una certa autorità (Luca 4:6, 1 Giovanni 5:19). Ha ottenuto questa "bolla" di autorità in maniera fraudolenta, ha cercato di sabotare il proposito di Geova, e la detiene solo per un effetto collaterale della contesa universale. Ma come tutti gli effetti collaterali che sono destinati a sparire una volta che la cura ha avuto effetto, così questa sua autorità è stata ridotta al minimo indispensabile (la terra) ed esiste solo per un certo periodo di tempo (Rivelazione 12:12). Purtroppo in questi ultimi giorni noi stessi siamo in suo potere. La persecuzione che hanno ricevuto i cristiani del primo secolo e quella di certi regimi che anche cristiani moderni subiscono, sono espressioni di questa autorità.

Ma chi ha il potere assoluto? E' chiaro, è il Sovrano Universale, Geova.
Lui solo è la fonte dell'autorità.



L'autorità nella congregazione:
Come dovrebbe essere ?

Cristo disse: “Voi sapete che quelli che sono reputati governanti delle nazioni le signoreggiano e i loro grandi esercitano autorità su di esse. Non sarà così fra voi; ma chiunque vorrà divenire grande fra voi dovrà essere vostro ministro, e chiunque vorrà essere il primo fra voi dovrà essere schiavo di tutti”.
(Marco 10:42-44)

I governanti hanno autorità. Anche a loro è stata concessa. Romani 13:1-7 ce lo dice e fa anche capire che nell'ambito di ordine pubblico, tasse e vita quotidiana siamo sottoposti e soggetti alla loro autorità. Anche nella congregazione esiste il concetto di autorità. Ebrei 13:7, 17. Ma capiamo che c'è differenza perchè Cristo disse "non sarà così fra voi".

Romani 13:3 parla del modo di esercitare l'autorità dei governanti: "quelli che governano sono oggetto di timore, non per l’opera buona, ma per la cattiva".  1 Pietro 5:3 ci dice come si dovrebbe esercitare l'autorità nella congregazione.. si parla di "gregge affidato alla vostra cura", di fare questo "non per forza ma volontariamente e premurosamente" e soprattutto "né per amore di guadagno disonesto, né come signoreggiando su quelli che sono l’eredità di Dio, ma divenendo esempi del gregge"

La differenza sostanziale quindi la fanno i motivi che spingono chi ha l'autorità, i quali poi ne influenzano necessariamente i modi. Gesù stesso quindi detta le condizioni che legittimano l'autorità nella congregazione:

-  "chiunque vorrà divenire grande fra voi dovrà essere vostro ministro"
-  "chiunque vorrà essere il primo fra voi dovrà essere schiavo di tutti"
Paolo ribadisce che
-   è una cosa volontaria e fatta per amore e per soddisfare i bisogni degli altri non i propri
-   per essere ritenuti pastori è l'esempio che conta
-  non esiste un rapporto di sudditanza. Non esiste dire "il capo sono io e finchè sono in questa posizione comando io".

Comprendiamo quindi che nella congregazione non basta essere "investiti" di un'autorità per aspettarsi che tutti la riconoscano e per essere quindi legittimati ad esercitarla. Ci si deve adoperare per questo scopo. E sono le "opere buone" che legittimano e non "quelle cattive".  Ricordiamo che i governanti fanno valere la loro autorità anche quando hanno torto e con la forza: chi non si adegua viene tolto di mezzo o schiacciato (opere cattive). Questo è un modo di fare satanico, perchè deriva dal sistema politico attuale guidato da di Satana.



Nella congregazione inoltre chiunque è soggetto all'autorità di uomini è anche autorizzato a valutarne l'operato.



Eh si! Sembra una cosa nuova eh? Da tutte le parti si dice il contrario.. zitto e obbedisci! Ma Paolo disse in Ebrei 13:7 "...mentre contemplate come va a finire la [loro] condotta imitate la [loro] fede". Quindi un cristiano è sempre pronto a imitare quello che c'è di buono, ma per riconoscere se l'autorità di qualcuno è legittima deve vedere se si rende "schiavo di tutti" se la sua condotta porta buoni frutti, e quindi deve stare attento a "come va a finire". Una sorta di giudizio interiore dobbiamo emetterlo, una sorta di critica dobbiamo farla. La Bibbia questo dice.

E poi sappiamo bene che siamo tutte membra, allo stesso livello (Efesini 4:25) ed esiste un solo capo Gesù Cristo (1 Corinti 11:3, Matteo 23:10). Che Cristo fosse il "più grande" non lo discuteva a parole, come invece cercavano di argomentare i sui discepoli... lo dimostrò con fatti e lezioni di vita:
-  lavando i piedi non facendoseli lavare
-  servì prima gli altri e non si fece servire
-  morì per loro non chiese sacrifici alla sua gloria
-  non chiedeva soldi a nessuno, a lui interessavano le persone
-  non si circondò di grandi cose ma morì avendo solo la veste che indossava

Non c'è altro potere nella congregazione. Solo quello espresso da Cristo con il suo esempio. 



K.K.      24 novembre, 2016 11:10



_________________________________

3 commenti:

  1. Come promesso ecco il primo dei 4 post di K.K. della serie
    Autorità e Potere nella congregazione mondiale dei servitori di Geova

    RispondiElimina
  2. GEOVA ha il potere assoluto e l'autorità ma non obbliga nessuno a seguirlo ciecamente, mise la legge per proteggere l'uomo da se stesso, dalle proprie inclinazioni malvage, per proteggere gli innocenti, ma dopo la annullò nel sacrificio di gesù, la sua autorità ed il suo potere si esplicano oggi non attraverso un numero di leggi ed il timore di una punizione, ma attraverso i principi, non attraverso"il signoreggiare" di uomini, non ci sono sacerdoti e farisei, grazie a Geova ;) per la persecuzione hmmmm credo che i cristiani di mosul, fatti a pezzi ed imbustati, siano piu perseguitati di noi, attenzione a non fare vittimismo, che ci sono quelli che tribolano piu di noi tdg, apriamo gli occhi, e ricordiamoci che Geova è piu grande di noi e del nostro proclamarci sempre vittime, guardiamoci un pò intorno

    RispondiElimina
  3. @ Marcus
    Parole sacrosante , Stò giusto leggendo un libro che parla di un predicatore protestante imprigionato in Russia durante il comunismo
    per circa 15 anni , avete sentito bene .......e sono stati lunghi anche i suoi , eppure anche lui a modo suo prova che è stata la fede a tenerlo su , lasciamo come dici tu a chi di dovere la parola finale , la parobola del soldo e degli operai dell'ultima ora , o del ladrone accanto a Gesù sul palo non ha insegnato ancora nulla o a pochi , ......con quante ore di servizio si presenteranno , quanti anni di verità , quale gradino della carriera teocratica.......,con una sola cosa si presenteranno , che riconosceranno nel loro cuore che Geova è Dio e che suo figlio morì per tutti noi e grazie a questo dal profondo del cuore gli chiederanno perdonami..............!!!
    un'abbraccio

    RispondiElimina

Per contattare gli amministratori chiedi nella sezione commenti.
Vi preghiamo di commentare il più garbatamente vi è possibile,
non sono tollerati messaggi contenenti insulti ,di nessun genere .
Ogni espressione negativa è indirizzata alla parte malata dell'organizzazione e non a tutti i testimoni di Geova.
siete pregati di firmarvi con un nick grazie.

Un abbraccio