Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

23/10/16

Ma la pecora puzza… o il suo è odore ?

Abbiamo ricevuto questo post dalla fratellanza consapevole che vi proponiamo. Un post metaforico, amaramente poetico e anche rievocativo dei tempi passati. Ringraziamo in anticipo il fratello "anonimo pastore" per il contributo.


Ma la pecora puzza… o il suo è odore? La mia è una domanda provocatoria, ma fa riflettere, io ad esempio ci penso da molti anni. Qualche tempo fa lessi le parole di papa Francesco che mi sorpresero “l’odore delle pecore”. Mi chiesi, ma perché il “puzzo” delle pecore lo definisce “odore”? Se entri in un’ovile non senti profumo di Channel, ma se dico che dentro c'è del puzzo vuol dire anche che non sono pastore. Il pastore ce l’ha addosso l’odore di pecora, il pastore conosce bene la pecora dal suo odore, ma anche per la pecora riconosce il pastore dal suo odore. Questo rapporto simbiotico che si viene a creare nel corso del tempo permette alla pecora di sentirsi sicura, si sente di seguire il suo “condottiero” ovunque, si lascia condurre ed addestrare, non ha motivo di lamentarsi, sa che anche dovesse allontanarsi, lui è li pronto ad intervenire…


"Scusa narratore posso continuare io? Sono la pecorella "Fioccodineve" e quello che dici lo confermo... hai proprio ragione se mi perdo, sai brucando a testa bassa, può succedere, lui si preoccupa, lascia tutto e mi viene a cercare, sai si addolora molto, ma mi viene a cercare, insomma mi fa sentire preziosa… fa sentire importante. Ti sarà difficile comprenderlo mi conosce per nome, così come conosce anche tutte le altre. Non sono gelosa x questo, anzi lo sento più avvicinabile e affidabile. A volte lancia qualche richiamo... che bello... mi sento tranquilla, perché so che è presente, io lo segue docilmente, mi sento rassicurata dalla sua presenza. 

1 Pietro 5:2

A volte vedo alcune mie compagne con caratteristiche che possono spazientire, esempio alcune sono gravide, alcune lente o deboli, smarrite. Ma lui, diligente, non si lascia prendere e non si scoraggia... Se io o una mia compagna ci ammaliamo, lui è particolarmente preoccupato, ma non perde il coraggio. Anche quando trova una mia compagna un po' ostinata non demorde, pazientemente, ci prova… ci prova... e ci riprova, non si perde d’animo, non demorde, non rinuncia e non si rassegna.

Vuole il meglio per noi, non ci lascia mai, si preoccupa del cibo migliore, si preoccupa di trovarci ruscelli o pozze d’acqua fresca... e che bello quando entriamo nel recinto, (io lo trovo esagerato…ma mi piace ) ci conta una per una... uno, due, tre, quattro… ecco ne manca una, come si preoccupa... devi vedere... non ne deve mancare... ma purtroppo succede. Ricordo una volta “Rosa” una giovane pecora, mancava all'appello, io guardai i suoi occhi, dovevi vedere, come erano preoccupati e il suo volto tiratissimo, ma non arrabbiato. Ci mise nel recinto, e via… alla ricerca della pecora smarrita. Ritornò molto tardi, era sulle sue spalle, non l’aveva ne picchiata, ne sgridata, l’adagiò vicino a me , i suoi occhi erano luminosi , sereni , felici. Anche il suo volto era cambiato, più rilassato, contento... certo era felice di avere trovato la pecorella smarrita. Anche "Rosa" era serena, si addormentò subito.


Il nostro pastore non usa mai il bastone, ci vuole bene, sa che siamo pecore, ci fa sentire importanti e preziose. Dovevi vedere, quando ci siamo trovate al pascolo, con un tempaccio, di li a poco un forte temporale, lo guardai ...era sicuro di se, non voleva metterci paura, ma ci mise al sicuro. Lo osservo con ammirazione ha delle caratteristiche che ci fanno star bene è paziente è buono, attento, scrupoloso, insomma è la persona che ti fa star bene, ti fa sentire a tuo agio, con lui ti senti sicura … ti senti importante. Quando mi avvicino sento il suo odore ... ma è anche il nostro odore e non puzza, perché io non puzzo…"

che bello avere pastori con queste caratteristiche, noi ce l’abbiamo... e voi? 


Atti 20:28

da un collaboratore (anonimo pastore)