Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

21/10/16

La reputazione dell' organizzazione e gli anziani. Parte 1



il fratello di N.    20 ottobre, 2016 18:36
Parte prima
( i link della 2° e 3° parte, sono alla fine di questo post.)

Cari fratelli e sorelle, leggendo il post e i commenti, constato un pó di confusione. Avviene perché viene visto solo un aspetto.
Solo la visione globale chiarisae le idee.
Il primo punto è che la Società ha il terrore per qualsiasi cosa possa rovinare la sua reputazione.
Il fratello Candido concluderá che basta comportarsi in modo trasparente e onesto.
Purtroppo le cose non sono così semplici.
Se Tizio fa qualcosa di disdicevole, che fare?
Se si espellono tutti i trasgressori, le persone del mondo diranno che le congregazioni sono peggio del mondo (I mondani si apettano che i tdg siano "perfetti". Intre il mondo generalmente nasconde le sue nefandezze).

Nasce il triplo binario.

Primo binario: I peccati che potenzialmente non danneggiano la reputazione della congregazione sono presi alla leggera (e tra questi rientrano i casi di evasione fiscale o inadempienza a obblighi legali, violenze domestiche o alcolismo). In questo caso si ragiona che la congregazione non ha il potere di fare indagini, ma basta che su un giornale appare la notizia che si cambia ragionamento.

Secondo binario: I peccati che possono danneggiare la reputazione della congregazione. Rientrano fornicazione e adulterio. Evidente l'amante o il tradito può sempre fare una sceneggiata.
In questo caso si viene disassociati quasi sempre quando c'è pratica. Il minimo per dire che è pratica varia tra 3 e 4 volte... Però per altri peccati il minimo è più generoso...

Terzo binario: I peccati che possono danneggiare l'organizzazione. Sono i fatti gravissimi, come gravi truffe e la pedofilia (ma su questo la Società, in seguito a grossi scandali, sta cambiando politica). Gli anziani chiamano l'ufficio legale che cerca di insabbiare tutto. A questo punto la dissasociazione è legata alla convenienza.

Anziani vaccari e galantuomini

Compreso questo aspetto e che un peccato può essere trattato diversamente nel tempo a seconda della convenienza del momento, ora guardiamo agli anziani. Si dividono in vaccari e galantuomini, con tutte le sfumature esistenti. Non sapendo di questi tre binari, ecco che le direttive sembrano confuse e mutevoli. Per esempio non disassociamo Tizio che ha imbrogliato vergognosamente Caio, e visto che i due sono fratelli, impediamo anche al secondo di difendersi in causa, ma accettiamo che Adamo si rivolga al tribunale se Eva lo ha tradito ma se suo figlioletto Abele è stato abusato da un fratello, una volta era impensabile per gli anziani che si denunziasse il reo. Ora non più. Omettono di instradare la vittima e tirano per le lunghe.

Ora possiamo analizzare i......vaccari.

Non sanno perchè, ma sanno di poter fare tantissimi sopprusi e essere impuniti. Hanno imparato quelle quattro parole magiche teocratesi e la loro condotta, palese agli anziani galantuomini, fa allontanare questi ultimi dagli incarichi.
Ma la Società non lo sa? Certo che lo sa, ma se tutto va male, scaricano tutto sul vaccaro di turno, condannato a essere parafulmine sacrificale per salvare la reputazione dell'organizzazione



Parte 2° qui   2 parte

Parte 3° qui   3 parte

________________________________