Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

03/10/16

Cantici che danno risalto agli unti


Come avrete notato, ben 3 dei nuovi cantici, cioè i numeri:
146  "L’hai fatto a me"
147  "Una speciale proprietà"
151 “La rivelazione dei figli di Dio”
Hanno come soggetto gli unti. Ora io mi chiedo: Perché? Come mai?
Nel vecchio cantico non ricordo c’era qualcosa di simile. Il 151 poi
 ha uno stile così “pomposo” come non ce l’ha neanche il 138 (che
 parla del nome di Geova).
Io lo trovo fuori luogo e di cattivo gusto. Un interessato che ci
 sente cantare degli unti non concluderà che adoriamo i santi? Spero
 stia esagerando io.
Ma comunque, mi piace attenermi alla Bibbia, e dalla Bibbia io
 imparo che bisogna confidare in Dio non nell’uomo, unto o non
 unto. “È meglio rifugiarsi in Geova che confidare nell’uomo
 terreno”. — Sal. 118:8.
Voi che ne pensate?
Armaghedon
__________________________________