Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

23/01/16

Una questione fondamentale che l'organizzazione deve ricordare




la figlia di Iefte      23 gennaio, 2016 10:19
 
 

Ho ascoltato il discorso del fratello Edward Aljian Una questione fondamentale da ricordare...E' stato piacevole ascoltarlo. Ma siccome dobbiamo anche meditare sulle informazioni che studiamo, ascoltiamo o leggiamo, ebbene riflettendo ho notato frasi del tipo :Geova è contento di voi, Geova si compiace di voi,Geova è soddisfatto di voi...Ma parliamoci chiaro io su  questo non ho mai avuto dubbi!!

 

E' sui "burocrati" che ho seri dubbi perché non dimostrano lo stesso compiacimento,soddisfazione e contentezza nei confronti delle pecore; perchè quando queste si lamentano a ragione su cose che potrebbero essere gestite meglio,loro si mettono subito sulla difensiva. Ricordo sorelle che mi hanno raccontato i sacrifici che hanno dovuto fare alle assemblee con i figli piccoli, con reparti infanzia inadeguati, senza posti riservati dove poter seguire il programma con le loro famiglie...cose che neanche nel terzo mondo...allucinanti...a cui però veniva puntualmente risposto: Ma Geova è contento che siete venuti, che avete fatto i sacrifici per assistere al programma!
 
ok ma la domanda che sorge spontanea è: loro erano contenti di queste famiglie, si compiacevano dei loro sforzi e della loro presenza? I fatti dimostravano di no, altrimenti sarebbero venuti incontro alle loro esigenze!!!!

Poi sono rimasta colpita da frasi del tipo Dobbiamo essere gioiosi qualsiasi sia l'incarico che abbiamo o svolgiamo perché è sempre un servizio che rechiamo a Geova...ma anche qui non ho mai avuto dubbi su questo!! Nella sua Parola Geova ha sempre dimostrato di non essere parziale e che ci considera tutti uguali indipendentemente dalle nostre capacità o compiti che svolgiamo!!!
 
Purtroppo però come la mettiamo con gli studi W che ti fanno sentire inadeguato se non servi come nominato nella congregazione? O quando arriva il nuovo sorvegliante di circo.e lui o sua moglie ti chiedono tuo padre è anziano? tuo marito è anziano? tuo fratello, tuo figlio? Domande infelici che dimostrano come purtoppo veniamo divisi in Classi e denotano Parzialità e pochissima spiritualità..
 
Ci rendiamo conto che Gesù Cristo, il figlio di Dio non aveva nessun incarico o nomina? Non era servitore di ministero, non era anziano, non era coordinatore,non era sorvegliante,ecc...
Un'altra frase stonata è stata che i beteliti non devono perdere la gioia perché non sanno se saranno riconfermati quali tali o dovranno uscire dalla Betel, perché Geova con i suoi servitori del passato non ha mai fornito tutti i particolari...ok...Ma 1)il Comitato che prende queste decisioni,non può ergersi al posto di Geova!!2) non mi risulta che Abraamo e Sara o Giacobbe o tanto meno Adamo ed Eva (citati da lui)si fossero mai sentiti dei precari, come invece si sentono oggi questi nostri cari fratelli che hanno fatto mille rinunce per andare a servire in Betel, e poi si ritrovano fuori, perché non più necessari...no mi dispiace , ma il paragone con Geova non ci azzecca proprio, Geova non agisce così!!!

Però sul fatto che oggi tanti fratelli e sorelle si ritrovano a servire Geova con le lacrime agli occhi, aveva pianamente ragione!!Il problema è queste lacrime ci vengono perché l'organizzazione non segue più le orme di Cristo o di Geova, ma è diventata sempre umana, secolare, direi quasi modello Industriale..

Ma noi fratelli consapevoli sappiamo distinguere tra il modo di agire Geova e quello dell'uomo, quindi lecchiamoci le ferite e perseveriamo, andiamo avanti fino alla fine e lì si vedrà...nel frattempo preghiamo Geova che torni l'onestà nell'organizzazione, che chi la rappresenta si prenda finalmente le proprie responsabilità e ammetta una volta per tutte che si sono montati la testa e che torneranno a fare umilmente la volontà di Geova, amando le pecore affidate alla loro cura!!
 
E allora si che tornerà la fiducia e l'armonia tra tutto il popolo di Geova! Questo significa serrare i ranghi e servire con gli stessi obiettivi servendo a spalla a spalla.
 
 
 
 
_____________________________________