Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

25/11/15

Commenti dei fratelli - l'autoerotismo




13 aprile, 2015 20:36
  1. buona sera cari fratelli,sono una sorella e vi leggo da tanto tempo anche se non ho mai commentato...ho una perplessità che mi sta assillando da qualche giorno,scusate se chiedo delucidazioni a voi,però lo preferisco per via dell'anonimato...forse non è nemmeno la sezione giusta,scusatemi...la domanda è questa:come viene visto dall'organizzazione un fratello sposato che consuma abitualmente materiale pornografico e pratica autoerotismo?come viene considerata la sensibilità della moglie che ne viene a conoscenza?se il marito piuttosto che chiedere perdono e aiuto dice alla moglie che è lei quella strana,mentre quello che fa lui è del tutto normale?e infine,se nonostante la disponibilità della moglie a rendere il suo debito coniugale,il marito si fa desiderare perchè preferisce fare da solo?scusatemi per l'argomento che ho toccato,ma veramente avrei bisogno di risposte,anche di qualcuno/a che ha avuto questi problemi...grazie




    1. Il fratello Kirk aveva pubblicato un post
      sull'erotismo della pornografia è di qualche settimana fa.
      Gli anziani non sono autorizzati ad indagare su questioni personali
      ma se sono messi a conoscenza dai diretti interessati,
      possono dare alcuni consigli anche energici. Queste abitudini si possono vincere.
      L'organizzazione ha dato alcune direttive su chi consuma materiale erotico,
      la direttiva è di aiutare la persona a evitare la visione di questo tipo di
      materiale esplicito, perché insegna una visione distorta ed egoistica della sessualità.
      Ogni caso è a se . Una cosa è certa bisogna stare attenti
      con chi ci si confida !!! Penso che ci siano anche esperti che possono aiutare nel campo della sessuologia o sbaglio ? Esiste anche una clinica che aiuta a disintossicarsi dalla dipendenza della pornografia . Non ricordo dove sia ma ne parlarono i media.

    2. Cara stellina innanzitutto benvenuta sul blog.
      Se ne stai parlando qui, evidentemente è perché l' argomento è molto delicato e privato, e forse non te la senti, ovviamente, di parlarne con gli anziani.
      In qualche post precedente mi sembra che sia stato trattato l' argomento pornografia, ma sinceramente non sono nella capacità di dirti cosa fare.
      Anche le pubblicazioni danno molti suggerimenti su come affrontare la situazione, ma nel caso specifico che tu menzioni, è alquanto singolare, perché generalmente un uomo dovrebbe tendere a nascondere queste cose alla moglie, non addirittura accusarla di esserne stata la causa.
      Io posso parlare per le esperienze che conosco, per quello che ricordo di aver letto nelle pubblicazioni.
      Sappi che purtroppo è una piaga che sta alludendo tanti fratelli (e sorelle) e non soltanto giovani, ma sembra che stia prendendo sempre più piede anche fra le coppie sposate.
      È difficile liberarsene ma non impossibile.
      Potresti provare a parlare con dicendogli in maniera franca che a lungo andare questa pratica può nuocere al vostro matrimonio e anche a lui come persona, perché degrada il modo in cui un uomo inizia a considerare le donne.
      Cercate insieme il modo di risolvere questa situazione e magari se sapete che ne potete parlate con qualche persona spirutualmente matura edi cui vi fidate non esiste a farlo.
      Tu cerchi di rendere il debito coniugale e non sei te la colpa, quindi non sentirti ulteriormente scoraggiata per quanto sta succedendo a tuo marito.
      Si comunque che a lungo andare può essere classificato come "condotta dissoluta" ed essere possibile di dissociazione.
      Spero sinceramente che tutto si risolva per il meglio e che nel vostro matrimonio ritorno la pace e la serenità che meritate.....................



    3. Ciao Stellina gli anziani possono essere di aiuto ... Inoltre sono interessati le seguenti pubblicazioni:
      W 15-3-12 pag. 30-31
      W 15-7-06 pag. 31
      NON se ne deve parlare con tutti perché molti non capiscono le problematiche che portano un uomo ..................



    4. grazie mille ........!io però volevo sapere: gli anziani che eventualmente vengono messi al corrente di questa cosa,cosa diranno alla moglie?hanno qualche direttiva in merito?no, perchè per una donna è davvero umiliante scoprire che il marito ha questo problema...può essere causa di separazione?





    1. Non é causa di divorzio! Se una sorella si separa per questo motivo non potrà risposarsi; a meno che il coniuge che guarda pornografia non commetta adulterio.
      NON É CAUSA DI SEPARAZIONE E NON RENDE LIBERI DI RISPOSARSI!


    1. siete stati veramente gentili cari fratelli!grazie mille,ora consulterò anche le w consigliate....
      Elimina


    2. Ciao ..........., benvenuta!
      Deve essere un problema angosciante, comprendo la frustrazione, un compagno che pratica l'autoerotismo ti svilisce come donna. Pero' permettimi... Chiedi cosa ne pensa l'organizzazione, cosa direbbero gli anziani a te, se e' motivo di separazione... Sembra che ti sia concentrata su come uscirne fuori tu e non come coppia.
      Chiediti cosa ne pensa Geova.
      La sfera sessuale e' un campo molto delicato, legato a problematiche emotive complesse. Affinche' una coppia funzioni e' necessario comunicare senza falsi pudori seguendo il principio di 1 cor.7:4 e farsi aiutare, talvolta anche da una terapia psicologica mirata.
      E' vero che ti senti messa da parte, in questo momento forse tu sei piu' forte e tuo marito ha bisogno di aiuto, spirituale e non solo. Lascia momentaneamente l'argomento da parte e lavora per rafforzare la vs. spiritualita', Studiate insieme la bibbia come coppia, pregate insieme, ascoltatevi e siate pronti a scorgere ogni cosa positiva nell'altro.
      Non mollare, fai tutto il possibile per salvare il tuo matrimonio!
      Un abbraccio!



    ___________________________________________________