Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

26/08/15

TdG - Il blando richiamo di Eli




IL BLANDO RICHIAMO DI ELI.
Romani 15:4 dice: poiché tutte le cose furono scritte anteriormente furono scritte per nostra istruzione affinché per mezzo della nostra perseveranza e per mezzo del conforto delle scritture avessimo speranza.


Perseveranza e conforto sono i due capisaldi di questa scrittura.

L’ecclesia può fortificarsi leggendo episodi del passato dove il contesto di corruzione era profondamente radicato e la soluzione di tale corruzione fu risolta da Geova.

Eli sommo sacerdote del tabernacolo aveva figli buoni a nulla letteralmente uomini di inutilità. Costoro non avevano nessun rispetto per Geova ignorando deliberatamente e impunemente le leggi di Geova, abusando dell’autorità su persone umili e povere le quali facevano sacrifici per adorare Dio  togliendo loro la serena adorazione nella casa di Geova.

Questi “imbroglioni etichettati” svilivano il loro ruolo con cattiveria lucida e scientifica.

Eli, loro padre e sommo sacerdote era nella posizione migliore per intervenire ponendo fine  a quella odiosa prevaricazione del nome di Dio e della dignità del prossimo, ma fu un fallimento come padre e ancor più come sommo sacerdote limitandosi ad un “ Blando richiamo dei figli familistico e per nulla deciso divenendo complice passivo delle scelleratezze allo stato brado dei suoi figli. (1 Samuele 2:23-25)

Geova prese in mano la situazione e mise fine allo scempio in maniera tragica ma liberatoria sia per il Suo illustre nome che per difendere e proteggere la sua amata Ecclesia. (1 Samuele 4:1-18)
Oggi l’ecclesia si aspetta dal CD una chiara autorevole, veritiera e sonora posizione di denuncia per amore del nome di Geova verso “etichettati spavaldi nominati” che nutrono le loro ambizioni forti anche del “blando richiamo che la Torre Di Guardia fa attraverso le sue colonne ai nominati a trattare il gregge con tenerezza quasi schermandoli come degli intoccabili benedetti da Dio con licenza di fare e sfare a loro piacimento mentre i fratelli sono destinati a subire comprendendo che qualsiasi obbrobrio e magagna lucida e scientifica deve essere declinata a imperfezione ”ovviamente ci riferiamo alla parte sempre più numerosa di galoppini nominati che avviluppano il buon cuore di pastori autentici che soffrono come noi.

Cari fratelli del CD siate franchi schietti e onesti, date a Geova quello che è suo e ossigeno a l’Ecclesia prima che sia troppo tardi. Poiché l’ Ecclesia rafforzerà sempre mediante la propria perseveranza e il conforto delle scritture la propria speranza che Geova è il nostro liberatore che ha fatto scrivere la ( triste ) pagina  del “blando richiamo di Eli” per nostra e vostra istruzione.
Un abbraccio sentito vostro fratello Giosia Fieramosca.
__________________________________________________________________________________