Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

06/10/14

La verita' vi rendera' liberi.......




 "Allora Gesù continuò, dicendo ai giudei che avevano creduto in lui: “Se rimanete nella mia parola, siete realmente miei discepoli, e conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi”. 
Giovanni 8:31,32


...e la verità vi renderà liberi
Il piu' bel dono che tutti noi abbiamo ricevuto dal nostro creatore Geova,e' la verita'.
Che ci siamo nati,che ci siamo cresciuti,o che lo siamo diventati nel corso della nostra vita,niente e' piu' importante della verita',perche' da essa dipende la nostra vita presente e futura.
Conoscere che Dio ha un nome,le verita' dottrinali sull'anima,sulla trinita',su tutto cio' che ha origini
pagane e ci era stato spacciato per cose ispirate,ci hanno fatto aprire gli occhi e abbiamo cominciato a
capire e apprezzare il fatto come disse Gesu' che "La verita' vi rendera' liberi".

                                                  Organizzazione e libertà cristiana

Quanto abbiamo amato e quanto amiamo queste parole di Gesu',sono un toccasana per la nostra vita
spirituale e materiale di ogni giorno.
Con la nostra crescita spirituale nell'ambito dell'organizzazione,sono forse arrivati privilegi a cui tutti
noi aspiravamo,per poter servire meglio i nostri fratelli e per mostrare al nostro Creatore il nostro amore per la sua gratitudine di averci scelto dal mondo.
Con le responsabilita' spirituali ci siamo inoltrati in un mondo a noi sconosciuto fatto di regole e regolette,scuole per nominati,libro per anziani,circolari e via dicendo.

  1. Tutte cose che servono per poter servire con ordine e unita',ma che ci siamo resi conto per alcuni era un mezzo  per  sentirsi al di sopra dei fratelli,in modo e in maniera smisurata e non consono alle scritture.

Per chi come noi ha accettato l'incarico per servire i nostri fratelli e per amore di Geova Dio,questo ha portato a scontrarsi con certi elementi anche di spicco nel sovraintendere l'opera,per come ci sia stato a volte un abuso di potere,in netta contraddizione con lo spirito cristiano della congregazione del primo secolo fondata con l'opera dello spirito santo.
Questo ci ha portato a volte e spesso a dissentire con disposizioni denominate Teocratiche,ma in
realta' fatte da uomini imperfetti come noi,ma spacciate come se venissero direttamente dal cielo.

Calunniato il servitore di Geova
Il nostro dissenso spesso viene male interpretato,fino ad arrivare al punto di essere tacciati quasi o perfino come apostati.
Penso che non ci sia parola piu' offensiva e deleteria,per chi si sforza di seguire le orme del Cristo,quello di essere definito apostata,e' una parola che ti fa star male solo al pensiero di pensare il
in modo diverso,non sulle dottrine,non sulla fede in Geova e Gesu',ma su dispozioni prettamente umane che con il tempo possono essere disattese o cambiate proprio perche' umane.
Lo vediamo qui' sul blog come spesso veniamo definiti malati,o non sani di mente solo perche'
parliamo di come alcune dispozioni umane devono essere modificate, perche' non esprimono l'amore che deve essere alla base di ogni nostro insegnamento.

Libertà cristiana nella congregazione
E cosi' ci tornano sempre in mente le parole di Gesu',che ci hanno fatto e ci fanno amare la verita',si
quella verita' che ci rendera' liberi.
Proprio per il valore di quelle sacrosante parole dove e' il problema nel dissentire?
E' scrittuale dissentire?
Cosa ci mostrano le scritture?
Un esempio per tutti lo troviamo in Genesi capitolo 18,qui' Geova il Creatore dell'universo nella sua infinita sapienza e giustizia decide di distruggere Sodoma e Gomorra per la loro empieta',ma cosa accade ?
Un uomo,imperfetto e peccatore Abraamo,non solo si permette di dissentire ma arriva al punto di mettere in dubbio l'operato di Geova come mostrano i versetti da 23 in poi.......
"Realmente spazzerai via il giusto con il malvagio?"
"E' impensabile da parte tua che tu agisca in questa maniera per mettere a morte il giusto con il malvagio cosi' che debba accadere al giusto come al malvagio!  Non fara' il Giudice di tutta la terra cio' che e' giusto?"
E poi prosegue la trattiva su quanti giusti ci sarebbero stati a Sodoma e Gomorra per non distruggere
la citta',Geova parte da 50 giusti per arrivare alla fine a 10 giusti,accontentando cosi' le richieste di
Abraamo.

Esortazioni finali per i servitori di Dio

Riusciamo a comprendere che lezione di modestia e umilta' ci ha dato Geova in questo racconto,aveva tutto il diritto come Sovrano dell'universo a comportarsi come Lui aveva deciso,invece a permesso ad un semplice uomo imperfetto di dissentire e in parte di criticare il suo operato,scendendo poi al compromesso dei dieci giusti.
E allora il nostro dissentire,scritture alla mano come mostrano i post pubblicati,non sono un dissentire contro Geova,ma sono rivolti a coloro che prendono la direttiva nel dirigere l'opera del Signore,che pur se approvati da Geova,sono e rimangono sempre uomini imperfetti.
 Ed e' a quegli uomini,che tutti noi ci rivolgiamo,per poter migliorare il servizio che rechiamo a Geova,facendo si' che tutti indistintamente possano provare sulla loro pelle,la veracita' delle parole di Gesu'
 
"La Verita' vi rendera' liberi"






Da un collaboratore della Resistenza







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------