Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

31/12/14

Il coraggio

Le relazioni con il nostro prossimo sono sempre condizionate dalla volontà di non cadere a indebiti compromessi "spirituali". ( Atti 5:29 ) Per impedire questo tutti noi abbiamo un acerrimo controllore interno che ci impedisce di avere questo o quel atteggiamento ritenuto poco degno e/o poco spirituale. (Atti 23:1) "Guardando attentamente il Sinedrio, Paolo disse: “Uomini, fratelli, fino a questo giorno mi sono comportato dinanzi a Dio con perfetta buona coscienza." Per coerenza ci aspettiamo quindi che quella ragionevole censura che ci siamo imposti sia però condivisa anche dagli altri. ( Lamentazioni 3:24 ) "24 Geova è la mia parte”, ha detto la mia anima, “perciò sarò in aspettativa di lui”.Ma come nelle pie illusioni non accade mai che sia così, quando i controllori interni dei fratelli differiscono per qualità e quantità nelle congregazioni possono nascere vere e proprie spaccature. Le attività delle congregazioni sono talmente intense e talmente coinvolgenti che costringono i fratelli ad avere relazioni più o meno quotidiane. Se le interpretazioni che diamo al comportamento spirituale differiscono, nasceranno inevitabilmente contrasti che io definisco "sul nulla" ma nonostante questo possono comunque arrivare anche a violenti scontri verbali ma non solo. Celebre è stato il pugno che un fratello ha dato ad un usciere del parcheggio di una assemblea per risolvere in modo efficace una questione di direttiva male interpretata. 

Come anziani abbiamo spesso avuto a che fare con questioni relative alla direttiva, in particolar modo nella preparazione delle assemblee e le relative adunanze per la programmazione delle attività. Il problema è che tutte queste adunanze vengono effettuate da improvvisati comitati di gestione da fratelli che vestiti da manager argomentano su problemi che nessuno dei partecipanti conosce. Ricordo ancora gli sguardi perplessi di molti anziani mentre mi chiedevano "Scusa ma in che senso ?". Il risultato era che si facevano richieste che non si capivano e si davano risposte a schiovere senza criterio. Per ovviare a questa premessa dallo sconfortante estremo caos gli incarichi vengono dati ai soliti fratelli che creano una classe di responsabili del reparto che come una casta si tramanda le mansioni da padre in figlio ( esattamente come i notai e i tassisti). Gli incarichi alle assemblee diventano estenuanti per l'eccessivo rigore e questo viene spacciato sempre con un problema di ubbidienza alla direttiva. Così le parole dell'apostolo Paolo riecheggiano continuamente Ebrei 13:17 "Siate ubbidienti a quelli che prendono la direttiva fra voi e siate sottomessi, poiché essi vigilano sulle vostre anime come coloro che renderanno conto, affinché facciano questo con gioia e non sospirando, poiché questo sarebbe dannoso per voi." I sorveglianti stessi mi hanno confidato all'orecchio le differenze organizzative con altre nazioni, nella gestione delle assemblee. Triste a dirsi questi modelli vengono ripetuti dentro le congregazioni con tutti gli effetti negativi che ne conseguono.


Le contribuzioni alle assemblee vengono contate da volenterosi fratelli durante le assemblee stesse. Il reparto contabilità dell'assemblea non si occupa minimamente della gestione e non conosce le spese che la sala delle assemblee deve affrontare. Le suddivisioni delle contribuzioni che vengono annunciate di solito l'ultimo giorno del congresso sono preparate in privato dal presidente assieme al CO e un tempo al DO. A questo faceva seguito però l'imbarazzante consenso per alzata  di mano nella adunanza di domenica dove erano invitati tutti gli anziani della circoscrizione. Ora io non ho mai contestato le suddivisioni anzi mi sono sempre sembrate ragionevoli ma per quale motivo c'era bisogno di un consenso per alzata di mano con anziani nominati palesemente finto ? Coerentemente con questa superficialità nella gestione delle contribuzioni ci sono state inevitabili debacle quando ad esempio un sorvegliante ha spalmato le spese dell'auto che erano diventate insostenibili alle varie circoscrizioni. Saltò qualche nomina in giro poi Da NewYork arrivò l'istituzione del CAR COMMITTEE che durò un paio d'anni giusto per adempiere alla richiesta di ubbidire alla direttiva. Gli annunci delle spese sono inevitabilmente non esaustivi per la brevità che gli viene assegnata. Il problema sembra che coinvolga tutti i fratelli che tribolano cercando di mettere delle pezze ad buroteocrazia che fa diventare impossibili anche i problemi semplici. Dopo aver considerato I Timoteo 2:23 "Inoltre, respingi le questioni stolte e da ignoranti, sapendo che producono contese. " e quindi respingendo le questioni stolte e quelle da ignoranti, facciamoci una domanda seria "Perchè non cominciamo a trovare il coraggio di spiegare dove finiscono i soldi ?"



Giacomo 13:5 "La [vostra] maniera di vivere sia libera dall’amore del denaro, accontentandovi delle cose presenti. Poiché egli ha detto: “Non ti lascerò affatto né in alcun modo ti abbandonerò”.