Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

14/03/17

Il coraggio

Ecclesiaste 7:5 "È meglio udire il rimprovero di qualche saggio che essere l’uomo che ode il canto degli stupidi." 

C'è chi nega  l'evidenza dei fatti. C'è chi non ascolta. C'è chi pensa ad altro. C'è invece poi chi si ferma e riflette. Poi decide. Sono tante le cose che si dicono ma altre poi accadono. Sono tante le parole che si spendono sopra le pedane sopraelevate delle sale dette da generosissimi oratori perchè sanno che tanto le parole non costano nulla (Proverbi 1:22). In po' di tempo fa nel sito ufficiale Jw.org la news di prima pagina era "Warwik i testimoni riparano una diga di 60 anni". Interessante?

Qualche tempo ho fatto visita in un forum nostrano di accoliti Testimoni di Geova all'avanguardia mediatica. Mettendo come ricerca l'hashtag pedofilia. Il risultato? Decine di post che coinvolgono esclusivamente preti cattolici (I Timoteo 5:21). Siti di variegato tesitmogeovanesimo composto da fratelli sopraffini ricercano in rete notizie con argomenti autoreferenziali in tutto il mondo. Denunciano, impavidi, i governi di questo mondo come ad esempio quello della regione indiana del Karnataka perchè impedisce la predicazione dei nostri confratelli.   

Avete sentito voi invece quella lontana commissione australiana che ha portato a giudizio la nostra organizzazione? No? (1 Giovanni 1:6)  Ma forse questa non è una notizia. C'era un membro del corpo direttivo che abbiamo visto giurare sulla bibbia e rispondere ad un interrogatorio. Si ma anche questa non è una notizia. Non è nemmeno una notizia quella di un avvocato che voleva conoscere le procedure sulla disassociazione. Ma ancora non è una notizia anche se si parla di anziani che hanno abusato di ragazze minorenni. Ma questa non è una notizia. No non lo è nemmeno quella che dopo aver raccolto le lettere dei comitati giudiziari ( quelle che non hanno bruciato preventivamente ) hanno scoperto decine di centinaia di casi di pedofilia non denunciati. Ma questa non è una notizia. 

Invece alcuni che fanno? I problemi esistono solo perché se ne parla? Un po' come quello che dice di stare bene perché non va mia dal dottore. Per loro i problemi in questo mondo bisogna nasconderli. Occultarli. Alcuni parlano di dare notizie vere e hanno messo su siti teocratici proprio per "informare" la fratellanza ignorante. Voi con i vostri articoletti in perfetto stile giornalistico dall'italiano impeccabile. Così nell'infamia della notizia contraffatta "voi" sputtanate preti pedofili e nello stesso tempo nascondete scomodi processi della giustizia secolare che accusano i testimoni di Geova.

Chi è peggio di chi ha commesso il peccato? Chi lo nasconde. Sapete perché? Perché dal peccato possiamo essere perdonati, ma se sappiamo fare il bene e non lo facciamo? A cosa serve la fede senza opere? Avete avuto il coraggio di mettere forum, siti web? Avete conosciuto le tecnologie Web? Bravi. Avete avuto il coraggio di dire quanto quanto i governi sono malvagi? Dov'è adesso tutto questo coraggio ?


Cosa è il coraggio consapevole?



Il coraggio consapevole è di chi si considera un peccatore quanto gli altri. Avere coraggio è dire le cose come stanno senza millantare nulla così come fanno le persone astute di questo mondo. Significa rinunciare a qualcosa di lecito anche se vantaggioso. Il consapevole non ha pregiudizi e giudica sempre se stesso e gli altri in modo obiettivo e onesto. Ci sono cose che non vanno? Si. Ci sono cose che funzionano in questa organizzazione? Si. Si possono conciliare le due cose? Si. In che modo? Attraverso la critica e il percorso spirituale che tutti i consapevoli sono invitati a percorrere. "Loro" per questo vi ostacoleranno e tenteranno di buttarvi fuori. Ma non mollate mai perché chi sta dalla parte di Geova non ha paura e non teme i giudizi di questa classe clericale fatta di nominati posticci. 

Chi è consapevole non si deve fermare ovviamente alla sola informazione pregiudiziale di questa o quella commissione. Ovviamente il mondo non vedeva l'ora di accusarci e di metterci nel calderone delle altre religioni. Ma non cascheremo in questo tranello, non accuseremo Geova di essere la causa del problema. Non cambiamo posizione se insieme a noi ci sono fratelli che ipocritamente fanno finta di ignorarla dicendo assurdità su questo o quel complotto apostata. Continuerà a studiare la Bibbia con profondità imparando a pregare ogni giorno per far risplendere le qualità spirituali di Dio che possiede. 

Che sforzo immane dover pensare di entrare in congregazione per proteggere la sua famiglia e le persone più deboli dalla fratellanza. Non vi pare? (Matteo 7:15). Non conosciamo gli eventi futuri ma noi a differenza di altri, non andiamo in giro sparlando sull'espansione teocratica come se fosse la prova della benedizione di Geova. Noi più modestamente ricordiamo a tutti il particolare invito di Gesù 

Matteo 7:13,14
13 “Entrate per la porta stretta; perché ampia e spaziosa è la strada che conduce alla distruzione, e molti sono quelli che vi entrano; 14 mentre stretta è la porta e angusta la strada che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano.

25 commenti:

  1. Salve leggo spesso i vostri articoli e ho letto con particolare interesse questo per il semplice motivo che ho fatto le stesse identiche azioni di chi ha scritto l'articolo: sono andato sul sito jw.org nella sezione news qualche giorno fa, giorno in cui la commissione australiana ha riconsiderato il caso della pedofilia occultato dalla filiale medesima, con lo scopo di leggere sul sito ufficiale notizie e dichiarazioni ufficiali, prese di posizione, anche solo un semplice "informare dei fatti" la base della fratellanza mondiale. Lo ritengo molto importante, purtroppo, con mio grande dispiacere, non c'era nulla di tutto ciò. La notizia principale era quella che la sede mondiale era stata premiata come costruzione biocompatibile. Bellissima notizia sia chiaro... però io credo che a volte bisogna dare, oltre alle notizie positive, premi vari o scandalizzarsi di persecuzioni dall'est europa, anche le notizie negative e...scusarsi: sarebbe un bel gesto di umiltà, Geova è un Dio di umiltà, così ho studiato da decenni. Così, anch'io come l'autore dell'articolo, sono andato su un noto forum "pro" Corpo Direttivo per notare se almeno loro (che dichiarano di fare vera e corretta informazione) ne discutevano in un loro tread. Ma su questo aspetto in particolare non c'era nulla. Perciò mi appresto io stesso a supplire a questa mancanza. Prima azione: il mio post non viene neanche convalidato, quindi mi riaggancio ad una conversazione similare, finalmente la domanda viene convalidata. Seconda azione di questi """"fratelli"""": insulti dalla moderazione, i miei successivi interventi non vengono convalidati. Una nota signora moderatrice mi rimanda ad articoli di pedofilia nella Chiesa Cattolica: Perché?? Allora quello che voglio dire con questa esperienza è: negare e nascondersi dietro a silenzi, bannature, minimalizzazioni varie non porta da nessuna parte: c'è un esercito silenzioso che chiede di avere risposte su questi temi e se non si soddisferà questo bisogno di risposte le cose possono precipitare. Quindi più informazione a 360° e meno arroganza da parte di personaggi internettiani dalla dubbia spiritualità.

    Jw news.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ken Malansky Ultimo15/03/17, 07:32

      Nell internet ci sono purtroppo due tipi di siti (forum e blog) quelli contro la congregazione e quelli che rispondono a quelli che vanno contro la congregazione. Là betel non autorizza nessuno a fare siti in nome della congregazione.la burocrazia gestisce solo jw.org . Questo blog proclamatoreconsapevole d altro canto cerca di rimanere dalla parte della congregazione ma senza nascondere i fatti negativi della gestione umana pur rispettando nei modi di esprimersi e scrivere nonché nell intimo sia chi dirige l opera sulla terra che il popolo di Dio nel suo insieme. Questo penso sia in armonia con il modo di agire di Dio confermato dalle Sacre Scritture, un modo di fare trasparente,onesto e che ispira fiducia nel Suo operato al di sopra del genere umano imperfetto.
      Speriamo che si riesca a convincere l intero corpo dir. a fare alcune riforme bibliche necessarie affinché ritorni di moda l onestà nel popolo di Dio premiando i comportamenti sani e nello stesso tempo stoppando,con direttive studiate ad hoc, i furbetti delle nomine che invece di lavorare per la congr. curano i propri interessi

      Elimina
    2. Caro Anonimo storie già viste. C'è una falange di Watchtariani molto agguerrita.. Queste persone hanno altri interessi che purtroppo ostacolano l'organizzazione stessa. Quello che dà fastidio non sono le vicende in se che magari sono gonfiate dal calderone mediatico. Ma questo atteggiamento sempre omertoso poco chiaro, poco trasparente, ombroso che non è compatibile con la luce brillante della verità.
      Io non c'entro sono un consulente... quell'altro scrive le bozze con il benestare di un altro anche qui un passarsi il cerino.
      Non ti rispondono perché si conoscono è rischiano nomine incarichi. Questo atteggiamento va bene per salvare la congregazione dal pensiero apostata, ma non va bene se occulta la verità.

      Elimina
  2. Ho letto parte della requisitoria del 10 marzo. Purtroppo esiste un iter burocratico che va rispettato. In questo momento la Royal Commission sta accertando le responsabilità di un errato modo di operare da parte dei comitati giudiziari in casi di pedofilia. In sostanza dice: se i comitati sono sbagliati, o se chi deve prendere la decisione di denunciare alle autorità non lo fa, ha una responsabilità relativa. Infatti il primo responsabile, è l'organizzazione che elargisce istruzioni agli anziani. Questo fatto ha posto la Commissione nel rivalutare le dichiarazioni di Jackson nella precedente udienza. Le pubblicazioni che parlano di cosa fare e come, libro organizzati, mantenetevi, manuale per gli anziani, sono stati redatti da un comitato di redazione, e approvati dal corpo direttivo. Jackson ha dichiarato che lui si occupa di traduzione e non di redazione, e questa è risultata una falsa dichiarazione, in quanto pur essendoci dei comitati distinti, lui è parte del CD che alla fine decide tutto e autorizza. Quindi la questione che ha messo in piedi la Royal Commission va al di la dei casi, e cerca di comprendere le responsabilità personali o dell'intero CD nella questione. Credo che queste siano le motivazioni del silenzio mediatico in atto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspettiamo fiduciosi, certo che i principi biblici valgono per tutti! In questo caso "qualunque cosa l'uomo semini, questa pure mietera'" e ancora "tutte le cose nascoste, saranno manifeste". A Dio non si sfugge!

      Elimina
  3. Marco del 201415/03/17, 16:59

    Questa linea di condotta del CD e dei siti filo-CD non fa altro che confermarmi quello che già pensavo: onestà, genuinità sono belle parole, bei concetti; applicarli è tutt'un'altra cosa.E non si può dare sempre la colpa al sistema satanico, alle complicazioni dettate da burocrazie governative sempre più complesse. Essere limpidi è l'unico modo per dimostrare di essere dei cristiani, dei veri cristiani. E invece, quello a cui abbiamo assistito negli anni, con il moltiplicarsi di circolari, istruzioni su come agire e su come non agire, postille, decreti, contro-decreti (sempre clausolati da deresponsabilizzazioni di chi scriveva) è stato un progressivo e inesorabile annebbiamento del panorama cristiano. Gli apostati, nonostante mille precauzioni e cautele (che hanno reso la vita più difficile agli onesti che a loro) hanno continuato a lanciare palate di letame. E ora , epilogo triste, ecco che ci si trova a dover dare risposta alle perplessità dei governi, che in questo caso, non possono essere visti, come si fa sempre in questi casi, come strumenti di Satana per perseguitarci. Perchè chi ascolta le domande poste a Jackson e lo fa senza essere fazioso, non può che ammettere che hanno tutto il diritto di chiedere chiarezza. E anche noi, popolo della terra, abbiamo diritto di sapere la verità. Affinchè non rimanga solo una bella parola.

    RispondiElimina
  4. "Loro" per questo vi ostacoleranno e tenteranno di buttarvi fuori.
    Ma non mollate mai perchè chi sta dalla parte di Geova non ha paura
    E non teme i giudizi di questa classe clericale di nominati posticci.
    Hai colto nel segno Nathan,ricordatevi cari Consapevoli tutti
    L'analisi dei fatti contenuti in questo post deve riferirsi non solo,al caso più ecclatante e vergognoso quale la pedofilia
    Ma a tutti gli abusi perpetrati a danno delle pecore di Geova
    Intese come esseri umani con una dignità ed una sensibilità propria
    E non nel senso di pecore letterali come molti falsi pastori credono di avere a che fare calpestandoli ed usurpando i loro diritti,a loro piacimento e tornaconto.
    Il coraggio Nathan,hai toccato un nervo scoperto della fratellanza
    Mi spiace dirlo ma tra i poco coraggiosi,vi è anche qualche consapevole che gli piace tirare sassi per poi nascondere la manina
    Quando c'è da affrontare questi 'cavalieri'bibbia alla mano e far notare loro che stanno esagerando,no mai sia se no perdo tutti gli
    Incarichi,e che diranno i fratelli che mi vedono seduto?"Chissà cosa ha combinato questo per tenerlo la!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resiliente quello che lascia perplesso molti proclamatori appiedati è la facilità con cui alcuni cavalieri riprendano la nomina dopo aver fatto cavolate gigantesche.
      Forse alcuni si trattengono anche per questo motivo ?
      Se esistono dei klan tra nominati nella congregazione e forse circoscrizione una volta riusciti a far rimuovere un cavaliere dalla sua poltrona in men che non si dica riacquista i privilegi dalla casta che domina localmente e naturalmente saranno persecuzioni e guai al fratello che ha posto la questione spirituale.
      In questi casi Geova è un forte riparo te lo posso garantire e qualsiasi cavaliere o gruppi di cavalieri non possono fare nulla per opporsi alla volontà di Geova. Ma interi klan di cavalieri appoltronati esistono ancora in mezza italia e specialmente nei posti nevralgici delle circoscrizioni. In questo assomigliamo al mondo ai modi dei politici e dei religiosi che fanno inciuci e lasciapassare per amici e interessi. Fortunatammente Gesù non è di questa pasta

      Elimina
    2. @007 nulla da eccepire su quanto affermi.
      Io comunque mi riferisco all'essere coerenti come consapevoli e non, quando ad esempio in una congregazione
      Si assiste alla totale storpiatura del cibo spirituale che
      Geova provvede attraverso lo SFD per dire o mettere in atto
      Procedure che Geova non ha comandato Ger14:14
      O quando si ricevono visite "mirate"per "consigliare" di non parlare di pedofilia e di vendite di sale perchè queste
      'non sono notizie'tu mission che faresti se un nominato
      Ti dicesse che il problema non c'è abbasseresti la testa
      In segno di ubbidienza o spiegheresti bibbia alla mano che
      Geova non nascose al mondo nemmeno i casi più vigliacchi
      come l'adulterio di Davide, e così dovremmo fare anche noi
      Non parla del coraggio Nathan?Non voglio dire che bisogna fare crociate quelle non servono ma se mi permetti mission
      Se viene un cavaliere e mi dice che se voglio portare un microfono o avere una targhetta sul petto devo fare lo stupido ipocrita allora preferisco come ho già detto in un altro post entrare se Geova lo vorrà nel nuovo ordine appiedato ma con dignità e coerenza.Con Stima e Rispetto.

      Elimina
    3. Se lo fai veramente ti fa onore caro @resiliente

      Elimina
    4. Lo so cosa vuoi dire Resiliente. Sono d'accordissimo meglio non portare i microfoni ed entrare nel regno che stare sul podio con i famosi privilegi e non entrare nel regno di Dio !!
      Io sono fiducioso che Geova possa usare questa vicenda per forzare un cambio di direttive per renderla più in armonia con la bibbia, ma parlare con un corpo di anziani CARNALE che ostinatamente si impunta su delle questioni di informazioni non se ne cava un ragno dal buco...:-))))
      Prendiamo Davide quando dovette fuggire dall'assegnazione teocratica e darsi alle gambe perché un re carnale voleva eliminarlo dall'organizzazione.
      Egli si dette alla macchia, ma non viene detto che fece una campagna di informazione massiva tra gli ebrei evidentemente con qualcuno avrà parlato ma stava sicuramente in guardia perché i cavalieri della fede erano disseminati dappertutto, infatti i sacerdoti che aiutarono Davide furono poi eliminati da volenteroso carnefice cavaliere della fede anarchica il cui nome famigerato è : Doeg.
      Diamoci alla macchia come Davide restiamo ad en-ghedi e aspettiamo che Geova liberi l'ekklesia dai cavalieri e dai furbetti delle nomine
      Nel contempo nella congregazione facciamo tutto ciò che possiamo e che è in nostro potere per aiutare i fratelli a scampare dai furbetti e ostacolando i cavalieri con metodi che possiamo attuare nelle nostre assegnazioni . Stando sempre in guardia
      Anche essere molto attivi nell'opera aiuta molto perché ci rafforza spiritualmente

      Elimina
    5. Il coraggio lo dobbiamo avere tutti ma in particolar modo chi ha qualche levetta di controllo in piú degli altri. La scrittura dice chiaramente che a chi é stato dato molto verrà richiesto molto. Noi del popolino che siamo sopra il carello della spesa possiamo sicuramente fare la nostra parte e di sicuro non dobbiamo fare nessun compromesso. Ma non possiamo nemmeno come Uzzia pensare di salvare l'arca, lasciamo che siano gli altri gli arroganti e confidiamo nel ristoro che Geova ci da.

      Elimina
  5. Chi mi può darmi conferma che in varie circoscrizioni si fanno rientrare nei luoghi di origini territoriali giuridici,vari
    Fratelli e famiglie,e una direttiva?
    Grazie.saluti 007..da consapevole del 16.03.2017.che non dorme.dal profondo Sud.Adda passa a nuttata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao consapevole del 16.03.2017, direttiva o non direttiva potete sempre opporvi con tatto adducendo le vostre giustificazioni e non possono obbligarvi a cambiare congregazione. Se per esempio siete più vicini ad una congregazione potete addurre la motivazione del risparmio di tempo, energie e denaro.
      Se vi mandano in una congregazione dove ci sono anziani famosi per essere dittatori potete spiegare che non ve la sentite di mandare la vostra famiglia tra le mani di anziani del genere a meno che vi firmino un documento in cui si assumono la responsabilità dello spostamento e una liberatoria per ritornare immediatamente nell'altra congregazione. Naturalmente non firmeranno un bel niente ma così gli avrete messo davanti la responsabilità di quello che decidono sulla pelle degli altri. Le istruzioni del corpo direttivo danno al capofamiglia la responsabilità di decidere in merito alla spiritualità della propria famiglia. Ci sono anche altre motivazioni come compagnie adatte per i figli. Insomma guardatevi attorno e spiegate che non sono decisioni da prendere alla leggera come se fossimo dei numeri.
      Invece a volte spostarsi risulta anche per il vostro bene così ampliate le conoscenze e le amicizie.

      Vedi il Ministero del Regno di Novembre 2002

      Elimina
  6. Non so se questa è la sezione giusta...sono le prime volte che scrivo...ma vorrei avere una delucidazione. Qualcuno sa dirmi come si dovrebbe comportare un corpo di anziani secondo la direttiva attuale quando viene a sapere che un componente della congregazione ha commesso un peccato grave che x lo stato italiano è un reato (violenza domestica, furto... ) ai danni di un altro componente della congregazione ma non vi è denuncia? Deve cchiamare comunque la Filiale? Vi ringrazio tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tecnicamente il reato è tale solo se riconosciuto dalla legge. Ovviamente la legge stabilisce che è un reato solo se c'è una previa denuncia. Se gli anziani ne sono a conoscenza ma non danno luogo a procedere è molto complicato che la filiale prenda iniziative personali a meno che queste non appartengano al loro cerchio magico. Tecnicamente parlando ci sono situazioni dove non è sufficiente nemmeno il doppio Testimone per garantire un luogo a procedere. Fai attenzione caro...

      Elimina
    2. Antonino E03/05/17, 22:14

      Vuoi un suggerimento. Non chiamare la filiale.

      Elimina
    3. "Vuoi un suggerimento. Non chiamare la filiale"
      Appunto...concordo.
      E aggiungerei: in una organizzazione piramidale (come la nostra è purtroppo divenuta), non scavalcare mai il tuo diretto superiore, il viaggiante, salendo al vertice successivo, la filiale, se non vuoi che lo stesso ti tagli la testa alla prossima visita...

      Elimina
    4. Sigismondo04/05/17, 11:20

      Senti un buon avvocato. Ma tutto parte sempre e comunque da una denuncia da cui procederanno delle indagini. Quindi potresti anche andare a parlare con un carabiniere o un questore di polizia, se sei soggetto direttamente interessato. Se la vittima non sporge denuncia non si può fare nulla. Ad eccezione si tratti di un minore, in tal caso si parla con gli assistenti sociali che procedono loro a fare verifiche ed eventualmente la denuncia. Lascia perdere anziani e filiale.

      Elimina
    5. direttiva attuale04/05/17, 11:49

      Non dovrebbe essere la tua coscienza a guidarti in questo caso, invece delle direttive? Nel caso estremo in cui il seguire le direttive ti porti a fare del male o ad impedire che ad un altro venga fatto del male, denuncia o non denuncia, non so il caso specifico, ti sentiresti meglio per il fatto di aver "seguito le direttive"?

      Elimina
    6. Sigismondo04/05/17, 13:30

      La direttiva di Filiale è di mettere tutto sotto il tappeto, sempre e comunque, altrimenti in paese puntano il dito...

      Lasciate perdere "le direttive". Sono sempre contro di voi, e gli anziani non sono qualificati per casi di ingiustizia civile o penale.

      Ciò non toglie che NON E' POSSIBILE ricevere vera giustizia da questo sistema. Però se vi basta UN PO' di giustizia, se vi accontentate, o se volete spezzare il muro dell'omertà andate da Cesare !

      Ma ricordate. Se nella vostra congregazione ci sono dei VACCARI, anche se avete ragione e siete dalla parte della verità, faranno in modo che veniate disassociati con una scusa qualsiasi.

      Quindi valutate tutto con attenzione. Il mio consiglio ? Denunciate pubblicamente come fece il nostro Re dei re.

      Elimina
  7. La questione è molto delicata e va trattata, a mio giudizio, caso per caso.
    Un conto è "sapere" o aver sentito, da un colloquio, da una confessione, seppur riservata. Un conto è esserne stati testimoni di persona.
    Perchè se la questione è soltanto stata riferita ci si può beccare una contro denuncia per diffamazione e non è detto che si abbia certezza dovuta sui fatti, episodi e circostanze dettagliate.
    Se trattasi di adulto, a mio giudizio, egli stesso può e deve - se ritiene - attivarsi di persona a livello penale perché la giustizia abbia il suo corso, se è in grado di farlo.
    Quando invece trattasi di minori e/o altri soggetti che non siano in grado da soli di difendersi indipendentemente dalla loto volontà ritengo giusto che un adulto o persona capace si faccia tramite di quello che altrimenti non potrebbe esser fatto.
    Anche perchè se le indagini, pm, o quant'altro dimostrassero infine che il fatto non sia stato commesso, beh, buon per tutti allora. Non avrei fatto nulla di male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voice... io so una cosa diversa. Non ti prendi nessuna denuncia di diffamazione. Mi spiego meglio, il codice italiano prevede che nel caso uno denunci una cosa sapendo che è falsa, si è a rischio di controdenuncia. Ma solo in questo caso. La denuncia alle autorità serve a loro per poter fare indagini. se dalle indagini non risulta nulla, il caso viene archiviato. nessuna controdenuncia.

      Elimina
    2. @R
      per questo ho premesso di distinguere i casi nei quali sei stato testimone in prima persona, da quelli ove non ha certezza del fatto.
      La diffamazione è il reato con il quale comunicando con più persone, si offende l'altrui reputazione, attribuendo fatti, per cui devi fare attenzione a chi parli e di cosa parli, se non ne hai certezza.
      Quello che hai sentito, riferito, confessato, riportato in segreto non è trascritto nemmeno opponibile a nessuno, ergo non puoi dimostrare con prove un bel nulla...e sei a "rischio"

      Elimina