Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

22/04/15

Il commento tradito

“La sapienza è la prima cosa. Acquista sapienza; e con tutto ciò che acquisti, acquista intendimento”. — Prov. 4:7.

Cari fratelli

Mentre la maggioranza lascia che la propria attenzione e il proprio tempo si volgano alla conoscenza che i sistemi di questo mondo offrono, un sempre crescente numero di persone si rivolgono altrove. Ora sentono il definito e urgente bisogno d’acquistare chiaro intendimento della Bibbia. Vogliono una conoscenza solida e fidata, fatti su cui basare le loro convinzioni e le loro speranze. Cercano una guida che li aiuti a risolvere i problemi della vita quotidiana, che li assista a prendere giuste decisioni in tempi di crisi e , soprattutto, si interessano della promessa divina della vita eterna e di conoscere le Sue esigenze. Queste informazioni saranno date loro dalla Bibbia, ma dovranno capire ciò che leggeranno. — Sal. 119:105, 160; Giov. 17:3.
Nella scrittura di Proverbi che fa da incipit a questo post ( x Neemia sostituisci incipit con "a capoccia" ) , il saggio Re Salomone mette in relazione la sapienza con l'intendimento. La sapienza, abbiamo più volte studiato, è la l'applicazione della conoscenza. Tutti si accontentano di questo aspetti, ma il saggio Salomone guidato dallo spirito santo spiega che questo non basta e che assieme alla sapienza si deve anche acquistare intendimento.

Che cosa è l'intendimento ?

Intendimento significa vedere i fatti come hanno relazione fra loro. Implica, discernimento e perspicacia, vedere dentro nel perché e nel percome delle cose. Con l’intendimento vediamo non solo i punti isolati di una faccenda, ma il quadro completo. — Dan. 9:22, 23. Per capire cosa significa mettere in relazione tanti aspetti per risolvere un problema, facciamo un esempio pratico. Propongo così al blog questo famoso rompicapo comparso di recente in un sito di un giornale nazionale. E' un puro e semplice esercizio di logica, niente di più e niente di meno.

Cheryl vuole far indovinare la data del compleanno a due nuovi amici, Albert e Bernard. Ma lo fa fornendo 10 date possibili: 15, 16 e 19 maggio; 17 e 18 giugno; 14 e 16 luglio; 14, 15 e 17 di agosto. Poi dice ad Albert qual è il mese giusto, ma non il giorno. A Bernard dice il giorno ma non il mese.
A quel punto Albert dice: "Io non so quando è il compleanno di Cheryl, ma so per certo che nemmeno Bernard lo sa".
Bernard risponde: "All'inizio non sapevo quando fosse il compleanno, ma ora lo so"
Albert: "Allora anche io so quando è nata"

Per risolvere questo problemino di logica serve intendimento ? Se fosse vero, basterebbe che ai fratelli venisse richiesta la risoluzione di problemi come come questo. Invece l'intendimento a cui ci riferiamo non è di questo tipo. Noi sappiamo che la vita ci pone d'avanti questioni molto più complicati di questo esercizio. Spesso siamo in imbarazzo per le difficoltà che dobbiamo affrontare e spesso la scelta migliore è quella del male minore. E' questo il nostro caso ?

I nostri commenti nel blog sono la rappresentazione di quello che pensiamo e come amministratori saremo davvero lieti di evitare che gli interventi subiscano censure. Questo nostro desiderio però spesso collide con alcuni eccessi ma fanno anche seguito alle tante ammissioni che ci siamo dovuti dare. Non abbiamo censurato molti commenti, per dare un opportunità di dire le opinioni così come le sentite, senza vincoli o costrizioni perché, in tutti i casi, vi consideriamo membri della Ecclesia. Continueremo a fare questo, ma nondimeno ci sentiamo in obbligo di incoraggiarvi a continuare a progredire nel commentare, con intendimento. 

Quale tipo di limite ci possiamo porre ? 


Ad esempio criticare il CD, i CO o gli Anziani come genere o classe ha poco senso, così come ha poco senso criticare razze o nazioni. Ad esempio, tutte queste categorie sono fatte di persone e quindi generalizzare significa discriminare chi cerca di servire fedelmente Geova. Se non vogliamo essere discriminati dobbiamo imparare a non discriminare gli altri. Indubbiamente è più vantaggioso, per tutti, denunciare e accusare gli atteggiamenti arroganti che alcuni fratelli hanno acquisito. I fatti specifici le vicende queste sono da considerare nel merito delle questioni che l'Ecclesia si pone. 

Ma le questioni, in alcuni casi, coinvolgono non solo aspetti legati all'organizzazione. ma anche ad alcuni dogmi della fede. Ora partiamo dal presupposto che e naturale avere dubbi su qualche aspetto ma la cosa, non dovrebbe essere di per se un problema. In una congregazione normale, chi ha dubbi o perplessità, dovrebbe sentirsi libero di segnalare le sue questioni all'anziano. A questo punto ci si aspetta che il fratello, cerchi di risolvere questi dubbi in modo ragionevole senza creare contenzione e senza giudicare il fratello. Ovviamente, le questioni non sono tutte uguali e vanno considerate in modi diversi, ma le linee di confine però le conosciamo tutti e oltrepassarle significa subirne delle conseguenze. Anche se diamo la possibilità di sostenere idee non allineate, le questioni dogmatiche non possono essere tolte dall'esercizio della fede.

Questo fatto lo potremmo considerare come un atteggiamento non coerente. Ma possiamo criticare "la legge" e mantenere comunque una posizione di rispetto verso essa e verso Geova ? Me lo sono chiesto e, un giorno, mi sono dato questa risposta prendendo spunto da un articolo della nostra Torre di Guardia. Ho preso in in esame come Gesù considerava il Sabato. Gesù venne accusato più di una volta per eseguire miracoli di Sabato. Ma Gesù stesso lo osservava. Di lui leggiamo: “Quando arrivò il pieno limite del tempo, Dio mandò il suo Figlio, che nacque da una donna e che nacque sotto la legge”. (Galati 4:4) Gesù era israelita e come tale era soggetto alla Legge, che includeva i precetti relativi al sabato. Fu solo dopo la morte di Gesù che il patto della Legge venne messo da parte. (Colossesi 2:13, 14) È vero che Gesù disse: “Non pensate che io sia venuto a distruggere la Legge o i Profeti. Non sono venuto a distruggere, ma ad adempiere”. (Matteo 5:17) 

Cosa si intende però con la parola “adempiere”? 

Facciamo un esempio: Un costruttore non adempie gli obblighi contrattuali strappando il contratto ma portando a termine la costruzione dell’edificio. Una volta terminato il lavoro secondo i desideri del cliente, il costruttore ha adempiuto gli obblighi contrattuali e quindi non è più tenuto a rispettarli. Allo stesso modo, Gesù non strappò il contratto infrangendo la Legge; piuttosto l’adempì osservandola alla perfezione. Una volta adempiuto, il “contratto” della Legge non era più vincolante per i servitori di Dio. Fin'ora ho salvato la pellaccia non di meno presto attenzione a volgere lo sguardo verso l'adempimento della legge non patteggiando ne scendendo a compromessi ad esempio con chi gioca con l'ambiguità del termine carriera.

Ancora sul commento
Ho intitolato il post "il commento tradito". Il verbo tradire deriva dal latino tradĕre «consegnare», attraverso il sign. di «consegnare ai nemici». Ecco in questo stesso modo cercate di non consegnare i vostri commenti al nemico. Lo spirito critico di Gesù, ha dimostrato che possiamo (e dobbiamo) essere fermi nella fede e il blog ci sta dando il modo di poter dire le cose come stanno senza che alcuno possa compromettere la nostra relazione personale con Geova. Usiamo i nostri commenti per aumentare il nostro intendimento e l'esercizio della fede, abbia il suo senso compiuto nelle cose che facciamo. Manteniamo così ferma, la nostra volontà nel continuare a servire Geova, nella preghiera e nel suo sacro servizio. Che Geova vi benedica.


p.s.

Dimenticavo la soluzione del rompicapo è il "16 Luglio"