Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

16/07/13

RIFORMA 11°......FONDO PER I SERVITORI A TEMPO PIENO




ANTEPRIMA 11 RIFORMA


Istituzione del "Fondo Speciale dei Servitori a Tempo Pieno".





Molti pionieri,missionari,beteliti,sorveglianti di circoscrizione e di distretto,sono avanti con gli anni e alcuni hanno dovuto smettere il servizio speciale,per varie motivazioni indipendenti dalla loro volontà.

A motivo della riconoscenza e del loro strenuo lavoro svolto negli anni,a favore degli interessi del Regno,e per non mettere in difficoltà questi fratelli operosi ,una volta che sono impossibilitati a continuare il servizio a tempo pieno,possono far richiesta del ""REDDITO MINIMO  PER SERVITORI SPECIALI"" a cui si potrà attingere a cospicue risorse, condivise equamente.

E' una Riforma che possiamo definire a "COSTO ZERO".

I fondi già ci sono, e molti se ne potranno aggiungere, con le varie dismissioni di beni del Regno, in quelle parti del mondo ove si è ridotto il personale betel e accorpate/centralizzate le stamperie .

Parliamo di parecchi milioni di dollari ,forse possiamo arrivare a 50/200 milioni di dollari,(questi calcoli non sono ispirati ,ma approsssimativi e al ribasso) che potrebbero essere usati sin da subito per questo eccellente scopo.Pensiamo oltre che un dovere da parte dell'organizzazione sia anche un modo di onorare Geova e quelli che si sono spesi con tutta l'anima per l'opera.Nessuno si dovrà arricchire ,si possono mettere in moto quei meccanismi idonei affinchè la cosa pubblica sia gestita in modo equo e solidale.

I fondi ci sono e superano abbondantemente l'effettiva necessità .




Con affetto la Resistenza