Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

30/10/14

L'organizzazione che vorrei


Numeri 11 :29
Comunque, Mosè gli disse: “Provi gelosia per me? No, io vorrei che tutto il popolo di Geova fossero profeti, perché Geova porrebbe su di loro il suo spirito!” 



Cari fratelli

L'organizzazione che vorrei è fatta di persone che soppesano quello che fanno e applicano i principi come ha fatto Giuseppe figlio di Giacobbe, nel momento della prova. Sarebbe davvero bello che si cambiasse il senso del paradigma di casa in casa. Vorrei che diventasse in “di persona in persona” ristabilendo il senso che i primi cristiani avevano dato alle indicazioni di Gesù. Facendo diventare il servizio di divulgazione della parola di Dio non un opera da rappresentati in cerca di rappresentanti ma un opera fatta di fedeli in cerca di fedeli. Nell'organizzazione che vorrei i territori diventano le persone e così il servizio verrà fatto anche sui social network sulle entrate dei grandi magazzini o dei parchi pubblici e la predicazione informale quella “senza cravatta” prenderà sempre più importanza. Nell'organizzazione che vorrei il rapporto non è quello di servizio ma è un rapporto delle opere di fede. Un rapporto dove segno non solo le ore dedicate alla predicazione ma segno il tempo che dedico per la preparazione e la presenza alle adunanze, le visite che faccio ai miei fratelli a tutte le attività che svolgo per l'opera del regno come quelle di pulizia della sala. Con questo rapporto in mano molti si accorgeranno che stanno già facendo i pionieri senza accorgersene e si sentiranno meno indegni di appartenere al popolo di Dio. Il rapporto in tutti i casi sarà volontario e solo chi lo farà riceverà privilegi all'interno della congregazione. Non esisteranno altri rapporti come quelli di presenza alle adunanze perchè saranno inutili. Nell'organizzazione che vorrei ci sarà ancora la disassociazione ma solo per apostasia. Tutti gli altri peccati saranno trattati con la necessaria durezza e con la perdita dei privilegi. Nell'organizzazione che vorrei i privilegi saranno tanti e tutti dovranno avere la possibilità di riceverli. Se un fratello non ha qualità oratorie non dovrà sentirsi più squalificato di altri. Nell'organizzazione che vorrei anche le sorelle devono avere incarichi e non c'è bisogno che debbano dimostare sottomissione ad un uomo perchè l'unica sottomissione da dimostrare la dobbiamo a Dio. Anche loro devono avere l'opportunità di rendere conto delle responsabilità che si sono assunte nella congregazione.

II Corinti 11:1
Vorrei che mi sopportaste in qualche piccola stoltezza. Ma, in realtà, voi mi sopportate! 2 Poiché sono geloso di voi con una santa gelosia, poiché vi ho personalmente promessi in matrimonio a un solo marito per presentarvi come casta vergine al Cristo. 


Nell'organizzazione che vorrei cambierei il nome di "sorvegliante" perchè in molti casi da l'idea al fratello, di pensare che il suo mandato sia di controllare e verificare le attività della congregazione con ad esempio i rapporti di servizio. ( alcuni ne sono stati talmente coinvolti che andavano in giro a dire che attraverso il rapporto erano in grado di diagnosticare le malattie spirituali del fratello, se non l'avessi sentito con i miei orecchi non ve lo ripeterei ). Al suo posto metterei quella di consigliere o di agente per l'opera del regno per ricordargli che invece è li per collaborare e per sostenere i fratelli. Questo non toglie l'autorità che è necessario abbiano ma dona loro maggiore dignità nell'importante ruolo che compiono. Nell'organizzazione che vorrei non mi pongo il problema se mia figlia adolescente non si è ancora battezzata. Non mi pongo nemmeno il problema se mia figlia abbraccerà o meno la mia stessa religione. Questo perchè io ho fatto una libera scelta ed è giusto che la faccia anche lei. Mi impegnerò strenuamente per istruire mio figlio o mia figlia nel fargli conoscere quanto Geova è un dio amorevole e quanto sia importante nella mia vita, ma non la obbligherò a battezzarsi a 15 anni ne a qualsiasi altra età. Nell'organizzazione che vorrei nessuno deve nascondere un qualsiasi tipo di abuso fisico e psicologico su bambini e adolescenti. Chi copre un pedofilo o un abominevole incesto deve essere considerato complice di quel reato.


Nell'organizzazione che vorrei ci sarà una sola adunanza infrasettimanale ed è quella dello studio di libro all'interno delle famiglie. Sarà fatta il martedì e ci sarà una piccola sezione della scuola di ministero per organizzare le attività di servizio settimanali. Nell'organizzazione che vorrei i fratelli della congregazione possono essere presenti alle adunanze e alle assemblee sfruttando le tecnologie alternative. Nell'organizzazione che vorrei i fratelli che usano le tecnologie alternative si vestono come se fossero all'adunanza e saranno sempre puliti e ordinati con veste convenevole. Nell'organizzazione che vorrei non userò la camicia bianca per distinguere un fratello allineato da uno disordinato. Nell'organizzazione che vorrei chi fa l'università dovrebbe ricevere un bonus per le ore nel rapporto delle opere di fede. Chi fa l'università sarà richiesta più responsabilità e dovrà servire i fratelli e le sorelle con le qualità del frutto dello spirito. Nell'organizzazione che vorrei le contribuzioni non devono servire per mantenere in piedi per forza una industria editoriale. C'è il web e i tablet... a che serve ? Nell'organizzazione che vorrei le contribuzioni finiscono in un conto unico e saranno utilizzate da una amministrazione che deciderà il suo uso. Nell'organizzazione che vorrei il totale delle contribuzioni ricevute non sono rese pubbliche ma saranno rese disponibili a tutti quelli che ne vorranno fare richiesta. I soldi sono solo uno strumento e non sono mai un fine da raggiungere.
Nell'organizzazione che vorrei rispetterò la grande risorsa che è l'unità in tutto il mondo e mi asterrò dal creare divisioni fra i miei cari fratelli.

Galati 4:18,20
18 Comunque, è eccellente che vi si cerchi zelantemente in ogni tempo per un motivo eccellente, e non solo quando io sono presente fra voi, 19 figlioletti miei, per i quali sono di nuovo nelle doglie del parto finché Cristo si formi in voi. 20 Ma vorrei essere presente fra voi proprio ora e parlare in modo diverso, perché sono perplesso riguardo a voi.


Nell'organizzazione che vorrei non mi stupisco se un fratello dal podio inizia e dice “Cari fratelli l'organizzazione che vorrei..