Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

01/01/13

Anonimo italiano sulle riforme.



DAI PROCLAMATORI DEL REGNO


Salve a tutti sono nuovo. Sono un fratello da molti decenni (non dico di più, ovviamente) e vorrei commentare le proposte di riforma. Premetto che dialogare e proporre non è mai distruttivo ma sempre costruttivo. Quindi ben vengano le proposte, anche le più bislacche o improponibili.

Circa la riforma del corpo direttivo la trovo improbabile e improponibile. Che accettiamo il sistema democratico (che non è la soluzione, visto per come viene applicato dai sistemi politici) è impossibile, secondo il mio parere. Oltre questa considerazione sulla validità del sistema democratico c'è anche un problema biblico. Con l'identificazione dello "schiavo" nominato dal Signore con il Corpo Direttivo è veramente difficile che venga inserita una "rotazione" o un termine nel loro incarico. Lo "Schiavo" è costituito dal Signore, secondo il nostro intendimento.

Ma al di là di questo credo che nella struttura organizzativa (che di per se non è un male, visto che ci permette di realizzare obbiettivi che divisi sarebbe impossibile da ottenere) si debbano eliminare tutte quelle sovrastrutture e quei meccanismi che generano sfiducia, slealtà, carrierismo e ipocrisia. Scrivo a di seguito alcune idee e proposte



Sorvegliante di Circoscrizione.

Fermo restando che una figura del genere può essere utile, va depotenziata la sua autorità.
Non deve essere un uomo che fa "carriera", ma scelto tra gli anziani locali che sulla base della disponibilità e di requisiti spirituali che per un periodo limitato (due o tre anni) visita le congregazioni al solo scopo di rafforzarle e incoraggiarle. Quindi una visita di tre o quattro giorni massimo (le sere e il fine settimana), dove si darà risalto al ministero di campo (predicando insieme ai fratelli) e svolgendo con gli anziani l'opera pastorale e cioè visitando deboli spirituali, malati dal punto di vista fisico (che attualmente lamentano che il viaggiante non si fa vedere mai), inattivi, giovani e così via.
Non deve avere la possibilità di ascoltare "confidenze" riservate (pettegolezzi e se li riceve invitare i fratelli a parlarsi nello spirito di Matteo 5:23,24) e non deve avere la possibilità di scrivere in maniera confidenziale contro nessuno (anziani inclusi).
Non dovrà ricevere alcun sussidio dalla sede centrale (attualmente è talmente di fame che genera il meccanismo del clientelismo locale e della "corruzione") e dovrà sostenersi col suo lavoro secolare (come faceva l'apostolo Paolo).Finito il suo "giro" torna a fare l'anziano locale.

Se scrive sulla congregazione tutto ciò che scrive deve essere letto e lasciato in copia. Non devono esistere le "lettere riservate" o "confidenziali". E sarebbe meglio che si scrivesse non sull'operato degli anziani e della congregazione (come se fosse un funzionario di una multinazionale) ma sulle belle esperienze avute nella visita.

CONGRESSI

L'organizzazione dei congressi andrebbe affidata a comitati di fratelli locali. L'assegnazione dei discorsi andrebbe fatta dalla sede centrale su proposta delle locali congregazioni, senza il filtro del viaggiante. In questo modo si toglie ogni "carrierismo" e il fenomeno del clientelismo. I congressi dovrebbero essere ridotti a uno o due l'anno e solo un giorno. Qualche discorso, il battesimo e magari un discorso incoraggiante del sorvegliante di turno.



RAPPORTI

Se è vero che il nostro tempo è una contribuzione al pari del denaro che mettiamo in cassetta allora il rapporto deve essere totalmente anonimo. Per fini statistici può servire sapere quanta letteratura si da in una certa zona? Ci si regola con il rapporto anonimo.

Noi giustamente ce la prendiamo con i viaggianti che sono funzionari o gli anziani che sono "vaccari". Il problema secondo me è a monte: bisogna andare a come vengono disegnati i ruoli di queste categorie. Se il ruolo del viaggiante è quello di un "funzionario" che controlla che i parametri siano posto e pressa gli anziani perché stiano o rientrino nei parametri è normale che si creino queste distorsioni. Ecco che molti sorveglianti che quando hanno cominciato sognavano di servire il gregge si trovano a fare i "delatori autorizzati" e pensano che fare questo sia una cosa voluta da Geova. Anziani che hanno aspirato da quando erano servitori di ministero a imitare il Cristo si trovano a rispondere di moduli, medie, statistiche e altre amenità e per evitare che alla visita successiva si scriva (alle spalle, molto spesso) su di loro, concentrano i loro sforzi su aspetti tecnici invece di concentrarsi su quelli pastorali.



La riforma non deve partire dal fatto che si debbano rimuovere gli anziani o i sorveglianti indegni ma nel ridefinire il loro ruolo sulla base delle Scritture. Questo diverrebbe un filtro tale che impedirebbe a burocrati, mediocri, funzionari e tecnici di diventare anziani o se lo sono di lasciare (o essere convinti a lasciare) l'incarico.
Continuo a pregare perché Geova che vede e sa tutto intervenga.





Anonimo Italiano



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------